sabato , Agosto 20 2022

Il nuovo disco di Valeria Caliandro per raccontarsi avendo cura dei minimi particolari

“MINIATURE” è il nuovo disco di Valeria Caliandro. Nove tracce prismatiche sul mondo delle relazioni, sul rapporto tra la colpa e il coraggio di sognare, su come un singolo giorno racchiuda il seme di una vita intera. MINIATURE sono le canzoni rispetto alla musica, pochi minuti intensi e ornamentali, come i caratteri utilizzati negli antichi manoscritti. E’ un disco che mette in dialogo la musica classica contemporanea e il dark pop. Registrato al GRS studio di Firenze da Lorenzo Buzzigoli con pochi strumenti: pianoforte, voce, synths, archi e percussioni. Vede due collaborazioni importanti: un duetto con Paolo Benvegnù e la collaborazione con Eugenio Sournia (ex Siberia).

Valeria Caliandro ha origini pugliesi, nasce a Firenze e cresce a Prato, dove vive. Studia pianoforte classico dall’età di sei anni, canta in un coro gospel durante l’infanzia e inizia a studiare chitarra a vent’anni. Coltiva contemporaneamente un amore segreto per la scrittura, scrive canzoni da quando ha memoria di esistere.

Ciao Valeria, cosa ti ha spinto a scrivere e cantare “Miniatura”?

Credo fosse l’estate del 2018, mi ronzava in testa quest’idea di un giorno, lo stesso giorno che si ripete, che gira su se stesso come un carillon, di qualcosa di circolare e perfetto e forse, proprio per questo, inquietante.

Nelle tue dichiarazioni affermi che il nome dell’album (e di uno dei singoli) deriva dalla voglia di realizzare il brano musicale con la stessa cura di una miniatura. Ci puoi descrivere in che modo?

Complice la pandemia degli ultimi due anni, ci siamo presi molto tempo per arrangiare questi brani. Sono partiti spogli, dalla loro struttura pianoforte e voce, e piano piano abbiamo arrangiato gli archi, le percussioni, i synth, con molta meticolosità, senza stratificare ma sottraendo e spostando gli elementi alla ricerca di equilibrio.

Qual è l’obiettivo che un cantante si pone quando canta ed esprime un testo musicale?

Non credo che tutti abbiano lo stesso obiettivo. Nel mio caso è un’esigenza quella di raccontarmi una storia per spostare la narrazione di un evento, per capire alcune cose, per esorcizzare la paura che cambia forma nel corso della vita. Ne deriva che la mia musica sia piuttosto introspettiva. Per altri è evidente che la musica sia una forma di intrattenimento, di movimento. Nessun modo è giusto o sbagliato, per fortuna si può scegliere di entrare in mondi diversi a seconda della necessità.

Quanto la TV (mi riferisco ai talent show e ai vari programmi televisivi musicali) ha influenzato la musica italiana negli ultimi anni?

Inevitabilmente credo abbia influenzato il modo stesso di promuovere un lavoro. Ho l’impressione che si sia invertita la causa e l’effetto. Si crea un personaggio, ci si affeziona a un volto, nasce prima l’artista e solo dopo la sua opera. Prima era proprio il contrario: si scopriva un mondo artistico e, rapiti completamente da un mistero si iniziava l’indagine senza fine di un mito.

Chi è l’artista che hai come riferimento musicale?

Maurice Ravel.

Da chi ti piacerebbe ricevere una proposta di collaborazione?

Sono molto soddisfatta delle due collaborazioni presenti nel disco: una con Paolo Benvegnù, l’altra con Eugenio Sournia (ex Siberia). In questo momento, sognando a occhi aperti come una bambina, sogno spesso di suonare con Benjam Clementine.

Alessandro Testa

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

OLTRE 250MILA PRESENZE COMPLESSIVE E UN IMPRESSIONANTE EN PLEIN DI SOLD OUT PER IL “DOVE ERAVAMO RIMASTI TOUR” DEI PINGUINI TATTICI NUCLEARI

Più lontano che mai arriva l’eco del successo del DOVE ERAVAMO RIMASTI TOUR dei PINGUINI TATTICI NUCLEARI, l’incredibile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: