giovedì , Settembre 16 2021

Rafa Nadal conquista gli ATP di Roma. Lo spettacolo della finale nello scenario più bello del mondo.

Ore 17:10 del 16 maggio 2021: il Foro Italico è il suggestivo scenario della finale maschile degli Internazionali d’Italia di tennis, Roma.  Mezzo mondo davanti alle tv, pochi fortunati (2500) sulle gradinate dello stadio più bello del mondo. L’un contro l’altro armato (di racchetta) Nadal e Djokovic. Per la cinquantasettesima volta; la prima fu nel 2006. Il numero 3 contro il numero 1. Al Foro Italico 9 vittorie per Nadal, 5 per Djokovic. Poche ore fa Nole ha disputato una semifinale strepitosa, contro il nostro Sonego, dopo 3 set molto difficili (6-3, 6-7, 6-2): se solo ci fosse stato un po’ più di recupero dal match della mattina, forse Lorenzo avrebbe conquistato il pass per la finale; ma del resto, contro il numero 1 del mondo, va bene anche così. Solo per ora. Molti appassionati pensano che proprio per la semifinale molto combattuta, il serbo abbia qualche chance in meno. Rafa si è allenato bene, i pronostici lo danno per favorito; anche mentalmente sembra essere più determinato e sereno. Ma il tennis, soprattutto a questi livelli, vive anche di momenti che segnano la storia del match e di fronte il maiorchino non ha un dilettante.

Nei primi due game lo spagnolo spara troppo sull’out laterale e finisce a zero. L’impressione è che sia proprio lui a faticare maggiormente. Si va in parità, 2 a 2, mettiamoci comodi, lo spettacolo durerà tantissimo. Nell’ultimo frangente, il quinto game, Nadal ha lavorato sui diagonali e sfiancato l’avversario. Nole ne ha approfittato per spezzare il fiato e al quinto game si intuisce facilmente che non c’è più il gap dell’affaticamento: due ace consecutivi e si va sul 3 a 2. A certi livelli, vale molto la strategia e questo andrebbe a discapito dell’intrattenimento, eppure si resta incollati agli schermi: servizi oltre i 190 kmh, lo stile elegante di Djokovic in contrasto con l’irruenza di Nadal, anche se troppo spesso il serbo sembra non calcolare esattamente il movimento della racchetta e risponde in maniera scomposta agli attacchi dello spagnolo, in realtà neanche tanto velenosi. Ma efficaci. 3 a 3.  I due se la giocano ad armi pari e i 2500 circa privilegiati la stanno vivendo con passione ed entusiasmo, omaggiando con i consueti wow ogni scambio spettacolare. Prima ora di gioco, 5 pari. Non si scioglie ancora il rebus del primo set.

Rafa Nadal ha subìto, ad un certo punto; è anche caduto, abbandonandosi ad uno scatto stizzoso che ha in un qualche modo entusiasmato l’avversario, ma in pochi minuti è riuscito a ristabilire la parità. Wow. Poi si aggiudica il primo set per 7 a 5, Djokovic ha mollato negli ultimi scambi. Se l’è presa anche col vento. Entrambi non perdonano gli errori: manovre da manuale del tennis; a diagonale risponde diagonale, finchè uno dei due non calibra alla perfezione potenza e direzione della pallina sulla terra rossa. A quel punto, l’altro lo punisce. Il secondo set si apre con tantissimi errori da parte del numero Uno, che risponde a Nadal con diretti troppo profondi e palle corte che finiscono nella rete (e non stiamo parlando di calcio!). Tuttavia si insiste su una parità spettacolare, roba da raccontare ai posteri. Verrebbe da pensare che il serbo abbia fatto un bluff di quelli da film: in 35 minuti i game conquistati sono 4, contro 1 di Nadal, e alla fine sarà 6 a 1, ancora pari. Tutto si risolverà al terzo set. Ancora 1 a 1, 2 a 2. Poi è la condizione fisica a fare la differenza. 5 a 1 per Rafa Nadal e il traguardo è lì, a un game. Un solo game. 2 ore e 45 minuti, ma non è ancora finita. Djokovic riesce a cancellare il match point con le ultime forze che ha in corpo: 5 a 3 il conto dei game. Manca ancora qualche minuto: quasi 2 ore e 50, 6 a 3. Gioco, partita, incontro. “Stavolta è mia”: avrà concluso così Rafa Nadal, rubando un attimo di goliardia e sbilanciandosi in un magnifico sorriso. Per quest’anno lo spettacolo più bello del mondo, nel posto più bello del mondo, finisce. Tanto capiterà, prima o poi, il duello 58.

di Clemente Scafuro

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

“Più forti, insieme”: la Ismea Aversa lancia la campagna abbonamenti per la stagione 2021-22

“Più forti, insieme!”. Questo il ‘claim’ utilizzato dalla Ismea Aversa per lanciare la campagna abbonamenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: