mercoledì , Novembre 30 2022

Powervolley Milano del 26 01 2020 – Milano lotta con Perugia ma cade in casa

Si ferma a sette il ruolino di vittorie consecutive dell’Allianz Powervolley Milano. Nella quarta giornata di ritorno di Superlega andata in scena all’Allianz Cloud la squadra di coach Piazza cade al cospetto di Perugia per 3-0. Primo set di grande spessore per i milanesi, perso poi ai vantaggi, che ha dato il là alla corsa degli umbri che si sono imposti con i parziali 28-30, 20-25, 25-27.

Milano voleva il riscatto dopo la sconfitta nei quarti di Coppa Italia contro Trento, ma tra le mura casalinghe è arrivato uno stop che lascia comunque l’Allianz Powervolley a quota 33 punti nelle posizioni alte di classifica.  Complessivamente Nimir e compagni non hanno meritato di uscire dall’Allianz Cloud con il risultato di 3-0, soprattutto per la qualità della pallavolo espressa nel primo parziale. Il vantaggio di 4 punti sul 19-15 è stato vanificato dal turno a servizio di Leon che ha permesso a Perugia di trovare il pari e di imporsi solo ai vantaggi per 28-30. Una sorta di mazzata per Milano, arrivata troppo presto, che non ha consentito ai meneghini di reagire nel secondo set, quando sul 17-18 una chiamata discussa al videocheck per un’invasione di Sbertoli ha lanciato gli umbri sul 2-0 guidato dal turno a servizio di Atansijevic. La squadra di coach Piazza non si è però mai arresa, recuperando uno svantaggio di 4 punti nel terzo set (da 12-16 a 20-20), cadendo ancora una volta ai vantaggi per 25-27. A fine gara 20 punti per Nimir che, insieme a Petric (12 punti per il serbo), che non sono serviti a Milano per provare a riaprire la partita.

«Dispiace per la sconfitta – commenta coach Roberto Piazza –, ma anche oggi abbiamo dimostrato di essere una squadra tosta. Certo, come allenatore mi saltano subito agli occhi le cose che abbiamo sbagliato, ma al cospetto di una squadra fortissima la differenza nel primo e nel terzo set è stata solo di 2 punti. Dobbiamo lavorare ancora tanto, ma soprattutto dal punto di vista della mentalità. L’aspetto tecnico e fisico c’è, lo stiamo dimostrando, ma il nostro prossimo step è dal punto di vista della mentalità». Dettagli importanti, che oggi hanno fatto la differenza, ma che Milano vorrà limare il prima possibile per accorciare ancora di più il gap con chi la precede.

image_printStampa Articolo

Chi è Alessandro Testa

Classe 1984, è ingegnere e allo stesso tempo critico cinematografico e appassionato di cronaca e giornalismo. Dal 2019 collabora per StreetNews.it!

Leggi anche

Scaloni ha ammesso che sta valutando cambi per giocare contro il Messico e ha assicurato che Messi sta bene: “Lascia che la gente si fidi”.

Il tecnico dell'Albiceleste ha avuto contatti con i media al Qatar National Convention Center. “Stiamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: