sabato , Ottobre 16 2021

Misch ci racconta “Il lupo”, il suo primo singolo

Il giovane talento emergente Misch ci spiega i significati impliciti ed espliciti del suo nuovo singolo, “il lupo”, brano autobiografico che tocca numerosi aspetti e vicende della vita privata di Misch e non solo, fotografando momenti ed episodi della vita di tutti i giorni.

Ciao Misch, presentaci il tuo nuovo singolo, “Il lupo”: come è nato questo brano e di cosa parla?

Il Lupo è una canzone divisa in diverse parti. La prima strofa è autobiografica, dove parlo di me, di ciò che provo giorno dopo giorno e di come vorrei fosse il mondo. Racconto delle mie emozioni e stati d’animo. Nella seconda strofa invece parlo di una ragazza che realmente conosco e che forse in passato credevo potesse diventare la donna della mia vita, ma così non è stato. Le parole che ho usato per descrivere questa ragazza, la fanno quasi immedesimare in una realtà platonica. I due ritornelli principali, descrivono alcuni momenti odierni della vita. Ad esempio il fatto di un cieco che torna a vedere, di una mamma che piano piano vede il proprio figlio che cresce, di un prete che per anni dubitava della sua fede ma che poi ritrova la pace e la religione. I ritornelli si staccano sia testualmente che musicalmente dal resto della canzone, proprio per mettere in risalto quelle azioni descritte. Alla fine della canzone, mi rivolgo direttamente alla ragazza di cui parlo, chiedendole di non lasciarmi mai, anche se non mi dovesse amare, le chiedo di starmi vicino per non farmi affondare proprio perchè lei come me è “diversa” e sogna un mondo migliore.

Quanto tempo ci hai messo ad affinare al meglio il tuo flow?

Non so se ho oppure no un buon flow : in questo singolo più di rappare ho scelto di raccontare la storia, per non tralasciare l’essenza delle parole.

Quali sono le emozioni che prevalgono in te poco dopo l’uscita di un pezzo? Prevale la felicità oppure la paura di non essere apprezzato?

In questo momento prevale solo la felicità. Felice di essermi “buttato” in questo mondo, di averci provato, di aver studiato, imparato e osservato. 

I tuoi amici hanno sempre supportato le tue scelte in ambito musicale? Sono tuoi “fan”?

Si i miei più grandi amici sono i primi ad ascoltare i miei pezzi e la maggior parte di loro sanno a memoria la canzone. Loro sono miei fan, io sono loro fan.

Spesso gli artisti devono fare delle scelte, talvolta dolorose, per poter proseguire al meglio il proprio percorso nel mondo della musica. E’ capitato anche a te?

Si, ho dovuto fare delle scelte per capire come iniziare a produrre musica, a scrivere e studiare.

Qual è il commento più frequente che stai ricevendo dopo l’uscita di “Il lupo”?

Al momento “è una canzone bellissima con un testo profondo”. Ma solo perché forse a chi non piace non viene a dirmelo  direttamente in faccia!!

a cura di Davide Napoletano

image_printStampa Articolo

Chi è davidenapoletano

Davide Napoletano, classe 1987, organizzatore per il mondo degli eventi di piazza, locali, privati e di beneficenza, ama in modo particolare la scrittura e dopo aver collaborato con giornalisti famosi a livello nazionale decide di dar vita al quotidiano online StreetNews.it e seguire anche la strada della notizia come reporter/giornalista. I suoi hobby sono la grafica pubblicitaria, fotografia e il marketing pubblicitario.

Leggi anche

Gianluca Capozzi face to face

Di Gianluca Capozzi crediamo oramai di conoscere tutto, dato che dal 1992 ci accompagna e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: