mercoledì , Novembre 30 2022

La Virtus Roma cade a Brindisi all’overtime

Arriva una sconfitta dolorosa per la Virtus Roma che si deve arrendere all’Happy Casa Brindisi all’overtime per 88-81 dopo essere stata raggiunta da una tripa di Martin a 1” dalla fine dei tempi regolamentari.

Padroni di casa che partono subito forte grazie a tre triple di Thompson e si ritrovano sull’11-2 dopo 4’ di gioco; alla partenza sprint di Brindisi la Virtus risponde con 11 punti di Jefferson che aiutano Roma a ricucire le distanze a fine quarto, 20-15. Il secondo quarto vede Roma rientrare ulteriormente in gara: con Dyson e White arriva un parziale di 0-11 che con 2:20 sul cronometro porta gli uomini di coach Bucchi a condurre con sul 26-29 con tre lunghezze di vantaggio che vengono mantenute fino all’intervallo (32-35). Di ritorno dagli spogliatoi sono Banks e Dyson i protagonisti del terzo quarto con 10 punti a testa mentre l’equilibrio continua a farla da padrone, nonostante il +6 (46-52) toccato dalla Virtus, infatti, il parziale fa registrare un 23-23 che fa entrare le squadre negli ultimi 10’ sul 55-58. Le due squadre continuano a scambiarsi botta e risposta per tutto l’ultimo quarto, fino alla tripla di Dyson del 73-76 a 1’ dalla fine: Roma non riesce a trovare il canestro che chiude la partita e viene raggiunta dalla tripla di Martin a 1” dalla fine. Nell’overtime Brindisi è sempre avanti, resiste agli assalti di Roma, e chiude 88-81.

La Virtus Roma sarà impegnata in trasferta anche nel prossimo turno, quando alle ore 17:00 di domenica 26 gennaio sarà ospite al PalaRadi della Vanoli Cremona.

Le parole di coach Piero Bucchi al termine della gara: «Ringrazio Brindisi: la società, i tifosi, per l’accoglienza bellissima che mi hanno riservato, è stato davvero meraviglioso. Venendo alla partita ovviamente dispiace, perché sul più 3 a cinque secondi dalla fine bisogna fare un fallo che però non siamo riusciti a commettere. Peccato perché, pur commettendo qualche errore, la squadra ha fatto una buonissima partita, se avessimo vinto non avremmo rubato nulla. Non siamo in un periodo particolarmente buono, ma sicuramente questa è una gara dalla quale dobbiamo ripartire: è stata una gara positiva proprio come quella di Venezia e ci è sfuggita per gli stessi errori nel finale, che ovviamente si pagano di più rispetto a quelli che commettiamo nel corso del match».

Alessandro Testa

image_printStampa Articolo

Chi è Alessandro Testa

Classe 1984, è ingegnere e allo stesso tempo critico cinematografico e appassionato di cronaca e giornalismo. Dal 2019 collabora per StreetNews.it!

Leggi anche

Scaloni ha ammesso che sta valutando cambi per giocare contro il Messico e ha assicurato che Messi sta bene: “Lascia che la gente si fidi”.

Il tecnico dell'Albiceleste ha avuto contatti con i media al Qatar National Convention Center. “Stiamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: