lunedì, Aprile 22, 2024
No menu items!
HomeRedazione StreetNewsDiario di avventure, finestre sulla Terra. Sevilla è oro, Il sole ci...

Diario di avventure, finestre sulla Terra. Sevilla è oro, Il sole ci si specchia.

Era già il tempo di salutare Cabo de Roca. I suoi meravigliosi occhi sull’oceano Atlantico, le sue spiagge. Il suo mare gelido ed accogliente, la sua acqua cristallina ed agitata. I suoi promontori, le scogliere a picco nel vuoto. Il gelato eccezionale di Acai e latte condensato. La pizza del Domino. Era già mattina e stavo salutando la mansarda che mi aveva cullato in quelle notti a Cascais. Meravigliosa ed unica. Splendente ed accogliente. Consegnai il motorino al negozio di noleggio, ringraziai il signore per la sua fiducia. Ripresi la mia carta di identità e mi avviai verso la stazione dei treni pronto per raggiungere Lisboa, passeggiarla un po’ e salire sul pullman che, in sei ore mi avrebbe portato a Sevilla, Andalusia. Non ci ero mai stato. Amo scoprire nuovi luoghi.

Arrivai a Lisbona rapidamente. Avevo fame, era l’ora di pranzo così mi fermai a mangiare qualcosa nel mercato centrale vicino al porto. Dentro c’erano varie postazioni con differenti tipologie di street-food. Ne scelgo uno e mi rilasso su quello sgabello in legno. Osservo il circolare intorno a me. Ripenso alla bellezza di Lisboa, di Cascais e la straordinaria Cabo de Roca. Avevo comprato un posto sul bus delle 18:00 che mi avrebbe portato direttamente a Sevilla. Avremmo tagliato la frontiera tra Portogallo e Spagna e l’avrei raggiunta. Mi diressi pian piano, senza presura, verso il capolinea da dove saremmo partiti. Consegnai il mio documento, il biglietto digitale e, dopo il “bip” della scansione da parte di uno dei due autisti, mi andai a sedere al mio posto, sempre quello vicino alle scale centrali dell’autobus, così da non avere nessuno davanti a me. Il cielo si stava convertendo in albicocca, le sfumature spennellavano di pastello il cielo. L’azzurro comincio a dare spazio, lentamente, al tramonto. Partimmo, direzione Siviglia. Misi le cuffiette per ascoltare un po’ di musica su Spotify, ed incominciò a suonare “Malibù” di Miley Cyrus. Una canzone leggera e spensierata. Chiusi gli occhi e cullato dal ricordo delle onde dell’oceano, mi addormentai.

Entrammo a Sevilla San Bernando puntuali quando già la notte fonda si era appropriata del giorno. Non era la mia fermata, io sarei sceso a Plaza de Armas che era più vicino a dove avrei alloggiato, nel barrio de Triana, al lato del famoso Puente. Mi preparai per lasciare il bus, raccolsi le mie cose, staccai il cellulare dalla carica, mi passai le mani in faccia come per svegliarmi. Quando scesi mi accorsi del caldo persistente di cui tutti parlano, quel caldo che fa parte di una delle caratteriste di Sevilla. Erano da poco passate le 24:00, già era entrato il nuovo giorno. Attraversai il ponte di Triana, erano state da poco spente le luci che lo ricoprono. La torre dell’Oro, la Giralda si definivano lievemente nella notte sevillana. Vari gruppi di ragazzi stavano bevendo seduti o sdraiati lungo il fiume Guadalquivir. Le risa risuonavano nella oscurità estiva. Scattai un paio di foto e, con l’aiuto del GPS incontrai il mio alloggio. Era semplice ma ben attrezzato, pulito. Lasciai le mie cose in camera ed andai a cercare qualcosa di aperto per cenare al volo prima di andare a dormire. Il silenzio era denso e inteso. Mi persi un pochino tra le viuzze del centro storico, accarezzando per la prima volta il suolo della città di Siviglia.

I muri delle case, sudate dal calore notturno si ergevano eleganti verso il cielo blu e le sue stelle. Il tutto armonizzato dalla mescolanza di stili, romano, arabo, moderno, cattolico. L’unica cosa che trovai aperta fu un Carrefour 24H. Comprai dell’uva bianca e rossa senza semi, una bottiglia di acqua da un litro, delle noccioline ricoperte di cioccolato e, come cibo principale un tocco di parmigiano. Il parmigiano è buono sempre, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Lo addentai camminando, di ritorno verso la mia stanza, passo dopo passo assaporando inoltre, quello che avrei conosciuto all’indomani quando avrei camminato per tutta Siviglia.

Un bambino piange dietro la finestra aperta di un edificio storico, un ragazzo, a torso nudo e in boxer, fuma una sigaretta appoggiato sulla ringhiera di un mini-balconcino, tra i gerani, sbuffando fuori del fumo bianco. Una signora annaffia, facendo precipitare l’acqua in strada, le sue piante, arroccate nel balcone. Un senzatetto dorme in terra, accostato su una porta scorrevole, chiusa, di una banca, orribile, qualsiasi. Due ragazzi si baciano vicino ad un portone ed io, ho finito il mio parmigiano e vado a dormire. L’indomani, oltre a conoscere Sevilla avrei cantato nel teatro più piccolo del Mondo, dentro il mercato rionale di Triana.

La notte fu dolce ristoro. Verso le 08:00 mi svegliai senza sveglia, del sole già caldo stava entrando dalla finestra ai piedi del letto nella mia stanza bianca a Triana. Potevo percepire il calore quindi, pantaloncini corti, camicia floreale di cotone a maniche corte e via in strada a girovagare. La Torre dell’Oro brillava intensa sopra le sponde del fiume Guadalquivir, moltissime persone passeggiavano lungo la Calle Betis e da dentro la statua del torero, ammirai la hermosa bellezza, pura e sincera di Sevilla. Dice bene la canzone “Sevilla tiene un color especial”.

a cura di Michele Terralavoro

https://www.instagram.com/micheleterralavoro/

https://linkbe.me/Michele.Terralavoro

image_printStampa Articolo
Redazione StreetNews.it
Redazione StreetNews.it
Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli popolari

commenti recenti

- Advertisement -