fbpx
Home  /  Interviste   /  Una vita fatta di musica… i “Camaleonti”!

Una vita fatta di musica… i “Camaleonti”!

“Io per lei”, “Applausi”, “Eternità”, ecco solo alcuni dei tanti splendidi brani col quale hanno allietato generazioni differenti, canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana, parliamo dei… “Camaleonti”!

Ho l’immenso piacere di intervistarli, a rispondere alle mie domande c’è Livio che parla a nome del gruppo.

Come vi incontrate?

Con il batterista storico Paolo de Ceglie, che purtroppo ci ha lasciati, andavamo a scuola insieme, abbiamo incontrato Tonino in un locale, con gli altri abbiamo scoperto di avere in comune la grande passione per la musica, negli anni sono cambiati alcuni componenti fino ad arrivare alla formazione attuale composta da: Livio Macchia, Tonino Cripezzi, Valerio Veronese, Massimo Brunetti, Massimo Di Rocco. Inizialmente ci riunivamo in qualche cantina per le prove, poi sono cominciate le serate in giro, dei piccoli concerti e così ha avuto inizio la nostra bella storia.

In che modo nasce il nome del gruppo?

Nasce da un momento in cui la tv trasmetteva uno sceneggiato che si chiamava “I grandi camaleonti”, ci piaceva il nome, inoltre ci identificavamo molto nel camaleonte che ha la capacità di cambiare il colore della pelle in base al luogo in cui si trova perché facevamo diversi generi musicali,  variavamo anche in base all’ambiente in cui ci esibivamo.

Tanti i premi ricevuti, quale quello che avete maggiormente a cuore?

Abbiamo vinto per quattro volte il “Disco d’oro” vendendo per ogni pezzo più di 1.000.000 copie, all’epoca non ci rendevamo conto, eravamo quasi incoscienti, ci si divertiva cantando, amavamo farlo, ancora oggi portiamo volutamente con noi quel pizzico di incoscienza che non guasta mai.

Diverse esibizioni all’estero, com’è cantare oltreconfine?

Bellissimo, è tutto organizzato molto bene, per esempio negli Stati Uniti, in Canada è tutto predisposto al meglio, curato ogni piccolo dettaglio, come quando alla fine del concerto attendiamo in una stanza le persone che sono venute ad ascoltarci per una foto, un autografo. E’ bello ritrovarsi in questi eventi, si riempiono i locali, il pubblico apprezza ed è partecipe.

C’è un momento che ricordate in maniera particolare?

Abbiamo partecipato diverse volte al “Cantagiro”, una bellissima manifestazione, vivendo tutte le volte una grande emozione.

Cosa sentite di dire ai giovani che intendono intraprendere questo percorso?

Di ascoltare la musica del passato per poter capire man mano, immaginare di salire una scala, guardare cosa c’era prima, cosa c’è durante e cosa si trova dopo. E’ importante studiare, cercare di accettare tutta la musica, per scegliere poi alla fine un genere proprio.

Progetti futuri?

Procediamo con i nostri concerti, i vari eventi, per tutte le novità ed aggiornamenti ci si può avvalere del nostro sito www.camaleonti.it .

La musica è…

Vita! E’ stupenda come una buona lettura, fondamentale come il cibo, è il nutrimento dell’anima…

 

Melodie che accompagnano pezzi di vita, ritrovate nel tempo, riabbracciando ricordi e… brividi! Musica meravigliosa…

 

di Saporito Margherita