venerdì , Dicembre 2 2022

SUI VACCINI PER IL COVID 19: QUESTIONE SEMPRE APERTA

Il caso vaccini per salvaguardarsi dal famoso virus Covid 19 è sempre sulla cresta dell’onda, ma perchè? Perchè  questo vaccino non è stato mai considerato uguale a quelli che noi conosciamo e che tra l’altro ci siamo fatti somministrare?  Effetti collaterali sopra la norma rispetto agli altri?

Andiamo dietro nel tempo, e rianalizziamo i fatti!

I primi due casi italiani della pandemia sono stati confermati il 30 gennaio 2020, quando due turisti provenienti dalla Cina sono risultati positivi al virus SARS-CoV-2 a Roma. Un focolaio di infezioni di COVID-19 è stato successivamente rilevato il 21 febbraio 2020 a partire da 16 casi confermati a Codogno (LO), in Lombardia, aumentati a 60 il giorno successivo, con i primi decessi segnalati il 22 febbraio a Casalpusterlengo (LO) e a Vo’ (PD).

Al 18 aprile 2022 sono stati registrati 15712088 casi positivi, tra cui 14 324363 dimessi e guariti (il 99% dei casi chiusi), 161687 deceduti, 1226038 casi attivi, rendendo l’Italia il 9º Paese al mondo e il 5º in Europa per numero di casi totali, l’8º Paese al mondo e il 3º in Europa per numero assoluto di decessi, il 46º Paese al mondo per casi totali in rapporto alla popolazione e il 27º Paese per decessi in rapporto alla popolazione; sempre al 18 aprile, sono stati effettuati 209170287 tamponi, rendendo l’Italia il 7º Paese al mondo per numero di tamponi e il 31º per tamponi in rapporto alla popolazione.

Quando si inizia a parlare di vaccino? Il 22 dicembre 2020, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha autorizzato l’immissione in commercio del vaccino anti COVID-19 Pfizer/BioNTech Comirnaty in Italia per le persone di età pari o superiore a 16 anni. Il 31 dicembre 2020, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha approvato il vaccino Pfizer/BioNTech per uso d’emergenza, permettendo così ai Paesi che non hanno enti regolatori propri o i mezzi per valutare in maniera rigorosa efficacia e sicurezza dei vaccini, di poter avviare comunque i programmi di vaccinazione.

Il 28 maggio 2021, l’EMA ha raccomandato di concedere un’estensione di indicazione per il vaccino anti COVID-19 Pfizer/BioNTech Comirnaty, in modo da includere l’uso nei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni e il 25 novembre 2021 la raccomandazione è stata estesa ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. Il 1 dicembre 2021, l’AIFA ha esteso le indicazione di utilizzo del vaccino Comirnaty per la fascia d’età 5-11 anni, con formulazione e dosaggio specifici (un terzo della dose autorizzata per adulti e adolescenti, 10 µg rispetto a 30 µg). Come per la fascia di età ?12 anni, il vaccino è somministrato come due iniezioni nel muscolo deltoide, a distanza di tre settimane l’una dall’altra.

A Oxford si stava lavorando ad un altro vaccino: l’università di Oxford assieme ad AstraZeneca, elaborano Vaxzevria, comunemente chiamato COVID-19 Vaccine AstraZeneca, approvato il 26 marzo 2021 dall’EMA .

Il 6 gennaio 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha raccomandato la concessione di un’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata per il vaccino anti COVID-19 mRNA-1273 (Spikevax, noto in precedenza come vaccino Moderna) prodotto dalla ditta Moderna.

Poi AIFA ha autorizzato il vaccino Janssen di Johnson&Johnson per la prevenzione della malattia COVID-19 per i soggetti al di sopra dei 18 anni, come da indicazione EMA. Il vaccino sarà dunque messo a disposizione a carico del SSN.

Ed ecco la vasta gamma di antivirali, questo sopra citato prevede una sola inoculazione.

La campagna vaccinale è stata ben fatta! Per ogni vaccino sono stati illustrati tutti gli effetti collaterali e ovviamente prima dell’inoculazione si doveva firmare il consenso informato.

Allora, perchè ancora adesso se ne parla?

Diciamocela tutta e analizziamo il fatto alla luce del giorno.

Per ogni vaccino si sono registrati molteplici effetti collaterali, danni irreversibili oltre a svariati casi di decessi.

Perchè questo? Gli specialisti hanno risposto che gli effetti avversi si sono manifestati in coloro che già avevano patologie compromettenti, come ai bronchi, ai polmoni…

E il giovane sano come un pesce, che dopo inoculazioni di vaccini diversi, perchè dobbiamo sottolineare anche questo e cioè, che la maggior parte della popolazoione non ha avuto somministrato lo stesso  vaccino, si ritrova o con un braccio paralizzato o con la tachicardia, gli specialisti come ancora tentano di dare spiegazioni? Fa parte degli effetti collaterali? Fa parte della  percentuale della casistica? Per non parlare poi dei decessi post inoculatori…anche se pochi.

Perchè i medici italiani tendono a sminuire?

Se parliamo con gli specialisti dell’altro capo del mondo che non sono coinvolti in altri interessi, le affermazioni sono  agghiaccianti, in quanto si dice  che le iniezioni stanno  causando infiammazioni a danno delle pareti dei vasi più piccoli del corpo e, se ciò malauguratamente dovesse capitare al cervello e al cuore i danni sono irreversibili.

E’ pur vero che la medicina non è una scienza esatta ma è anche vero che a rimetterci le penne è il povero “paziente”, il quale ha come unico scopo  la salvaguardia della propria salute, a dispetto  degli accordi di altro genere.

a cura di Rosa Arpaia

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

ITALIA: LA NUOVA GREEN HILL

L’ESSERE UMANO CAVIA DEI VACCINI ANTICOVID. GLI ADDETTI AI LAVORI DEL NOSTRO PAESE NON RIESCONO …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: