venerdì , Gennaio 22 2021

SECONDA GIORNATA DI PROIEZIONI PER L’ INFERENZE SHORT FILM FESTIVAL 2020

       È partita ieri la seconda edizione dell’Inferenze Short Film Festival (ISFF), la kermesse di cortometraggi organizzata dall’associazione culturale campana “Luna di Seta” e dedicata al “pensiero complesso”, oltre la banalità del “già visto” ed il luogo comune. Stasera, sempre a partire dalle ore 20.00, saranno proiettati altri cinque corti finalisti sulle pagine Facebook ed Instagram dell’associazione “Luna di Seta” e sulla pagina Youtube della “Moon Over produzioni”. I lavori selezionati tra circa duecento opere, provenienti da diversi paesi europei e non, vantano nomi come Miriam LeoneGiuseppe ZenoCarlo CroccoloGianfranco Gallo e tanti altri bravissimi artisti da scoprire.

       A condurre nelle storie e nei loro retroscena sarà sempre lo scrittore e regista Massimo Piccolo in una puntata particolarmente nutrita di contenuti ed emozioni.

 Ecco i finalisti in gara oggi:

“A cup of coffee with Marilyn” di Alessandra Gonnella (con Miriam Leone, Sam Hoare, Marco Gambino e Jamie Wilkies), “ ‘A livella de’ creature” di Angelo & Pierfrancesco Berruto (con Carlo Croccolo, Lola Bello, Divina Agbounauebare, Salvatore Esposito e Daniela Cenciotti), “Grace” di Giuseppe Piscino (con Grazia Cascone), “Guerriglia” di Carla Pampaluna (con Irene Barbugli, Massimo Pascucci ed Alessandra Bareschino) e “Quel tipo strano” di Vincenzo Totaro (con Antonio Del Nobile, Teresa La Scala, Rosa Fariello ed Adriano Santoro).

Come per tutti gli altri cortometraggi, saranno tre le giurie giudicanti: tecnica, giovane e popolare (quest’ultima si esprimerà attraverso messaggi inviati alle pagine facebook ed instagram indicate).

Alessandro Testa

image_printStampa Articolo

Chi è Alessandro Testa

Classe 1984, è ingegnere e allo stesso tempo critico cinematografico e appassionato di cronaca e giornalismo. Dal 2019 collabora per StreetNews.it!

Leggi anche

Non sono brava come sembra: la sindrome dell’impostore

Pensare di non essere all’altezza del proprio ruolo, credere che le sfide vinte siano superabili …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: