sabato , Dicembre 5 2020


Salute e privacy: duro scontro

Il Governo italiano per fronteggiare l’emergenza COVID-19 ha giocato diverse carte per il bene dell’Italia e degli italiani (almeno così sembra). Ha adottato un ventaglio di misure (atti, decreti, restrizioni, fondi,…) sia per contrastare l’epidemia e sia per andare incontro ai lavoratori con dei sostegni economici.

Ma il Governo è andato ben oltre. Ha voluto fare di più. Ha voluto utilizzare anche la moderna tecnologia per inventarsi un modo per frenare il contagio sempre più crescente. Con l’ausilio di esperti nel campo ICT ha lanciato l’app Immuni consigliando vivamente a tutti i possessori di uno smartphone di installarla per evitare l’innescarsi di nuovi focolai del coronavirus.

Il punto su cui molti italiani, sentita la notizia, si sono chiesti è: ma sarà sicura l’app Immuni? Sarò spiato? Che ne sarà della mia preziosissima privacy?


La maggior parte degli italiani che si sono posti questo interrogativo, proprietari (quasi sicuramente) di un account google (che ad oggi consente di utilizzare uno smartphone android) oppure gestori di un privatissimo profilo facebook…peccato dover ricordare che nel momento in cui ci si iscrive a facebook si vendono “vita, morte e miracolialla nota azienda di Zuckerberg. Una prova? Avete mai fatto caso che se navigate su alcuni siti, ad esempio, di e-commerce dopo alcuni giorni su facebook compaiono delle pubblicità/inserzioni di prodotto molto simili a quelli che avevate visitato qualche giorno prima?

E’ doveroso, per il buon fine che persegue, installare anche l’app Immuni che nasce per uno scopo ben specifico: evitare focolai salvaguardando noi stessi, i nostri cari e allo stesso tempo la nostra privacy.

Oggi, per garantire veramente la nostra privacy, occorre non avere lo smartphone.

Alessandro Testa

image_printStampa Articolo

Chi è Alessandro Testa

Classe 1984, è ingegnere e allo stesso tempo critico cinematografico e appassionato di cronaca e giornalismo. Dal 2019 collabora per StreetNews.it!

Leggi anche

Morto Enrico Nicoletti, il ‘cassiere’ della Banda della Magliana  

[FONTE Adnkronos]   Stampa Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat