domenica, Febbraio 25, 2024
No menu items!
HomeRedazione StreetNewsCultura ed EventiL’ATTESA E’ FINITA: INIZIA SANREMO! Al via la 74ma edizione della kermesse...

L’ATTESA E’ FINITA: INIZIA SANREMO! Al via la 74ma edizione della kermesse più prestigiosa della canzone italiana.

Certamente l’hype di questa edizione non è passato silenziosamente. Mai come quest’anno, infatti, l’attesa dei concorrenti, dei testi, la ricerca spasmodica dei nomi di autori, parolieri e compositori hanno “tenuto banco” sui social, in tv e nelle radio. In positivo, senza dubbio, ma anche per qualche critica, forse, di troppo. Il toto-vincitori ancor prima di ascoltare le canzoni, l’analisi profonda di alcuni brani, con tanto di interessamento da parte dell’Accademia della Crusca, e il giudizio sul pezzo di Geolier, rivelazione campana, che “utilizza un dialetto contemporaneo, mescolando elementi tradizionali con forme espressive moderne”. Testi studiati nella forma dal professor Lorenzo Coveri che ha stilato una sua personale classifica, che vede primi Angelina Mango e i Negramaro.

Alle 20:44 del 6 febbraio 2024, nonostante tutto, l’occhio di bue dell’Ariston illumina un emozionatissimo Mengoni il quale, profetizzando che “nulla sarà più come prima”, da’ il via al Festival, il quinto a direzione Amadeus. Fermento social, dai canali ufficiali al Fantasanremo, a quelli satirici, a quelli della moda. La prima serata vede esibirsi tutti i big in gara e ad aprire la competizione è Clara (Soccini, ndr), già apprezzata come attrice nella fiction di successo Mare Fuori, che con “Diamanti grezzi” mostra anche la sua grandissima dote di interprete e autrice. Via via scorrono le immagini delle esibizioni di tutti i concorrenti, tra cui una brillante Mannoia, disinvolta e superba; Annalisa, particolarmente apprezzata dal pubblico in sala; i colorati La Sad, apparentemente padroni del palco, ma con le voci tremule. Mahmood poco incisivo ma forte del suo naturale charme artistico. Diodato applaudito ancor prima della sua entrata, forse nel ricordo della sua “Fai rumore”, canzone vincitrice nell’edizione del 2020, quando il mondo stava per affrontare una delle sue battaglie più difficili, quella contro il Covid. Geolier appare più adulto, il brano tanto chiacchierato è interessante, forse non proprio sanremese, in pieno stile trap come pochi (e lui primo fra tutti) sanno fare. “Fino a qui” di Alessandra Amoroso colpisce. The Kolors e Angelina Mango presentano due brani che saranno hit nei prossimi mesi a prescindere dal risultato di Sanremo. Il trio in total black Il Volo non delude le aspettative: doti canore eccellenti e brano di rito. Disinvolta e sicura di sè Big Mama, la nostra Irpina doc, e la canzone non è male. Interessante “Tutto qui” di Gazzelle. “Orsacchiottoso” Dargen D’Amico, ma la sua musica è techno. Probabili outsider i Santi Francesi.

Bpm veloci, frequenti richiami allo stile anni ’80, qualche riff ricorda gloriosi brani del passato. Qualche artista si differenzia nello stile, ma in linea di massima siamo in un mood molto leggero, pop e parecchio dance.

La sala stampa, a fine serata, comunica la sua top 5, che vede Loredana Bertè in testa, seguita da Angelina Mango, Annalisa, Diodato e Mahmood. “Pazza”, il brano per ora favorito, è raw, vivace e sgraziato, ricorda un po’ la Loredana degli anni ’80 nello stile. Lei è affascinante: quell’atteggiamento sul palco, lo stile, che è evidente non siano costruiti bensì naturali, in netto contrasto con chi oggi, la propria realtà, se la “inventa” anche con i filtri fotografici. Carattere e grinta che il pubblico apprezza dal primo istante e, a quanto pare, anche la stampa di settore. Voto 10 e lode.

Le classifiche saranno più definite nelle prossime serate, quando avremo ascoltato tutti i brani in versione studio e le radio avranno fornito il loro fondamentale contributo a farcele conoscere meglio. A caldo, sembra che i nomi anticipati come i più accreditati non abbiano deluso le aspettative.  

Fiorello il solito mattatore, alleggerisce la solennità del festival e comanda l’entertainment. Gli increduli consultano la scaletta della serata, pensando a qualche suo fuori programma, tanta la sua disinvoltura. Necessario e brillante.

Infine, gli ospiti. Inaspettato Ibra, di nuovo sul palco dell’Ariston, con il suo solito atteggiamento sarcastico e simpaticamente arrogante. Toccanti invece la presenza e le parole di Daniela Di Maggio, mamma di Giovanbattista Cutolo, il musicista vittima innocente di camorra. Doveroso il tributo ad un grande della musica italiana, Toto Cutugno.

Nelle prossime due serate i concorrenti saranno ancora alle prese con la presentazione del proprio brano, mentre venerdì l’interessante appuntamento con i duetti. Sabato la finale, in attesa della consacrazione dei vincitori del Festival, giunto alla sua 74ma edizione.

A cura di Clemente Scafuro

image_printStampa Articolo
Redazione StreetNews.it
Redazione StreetNews.it
Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli popolari

commenti recenti

- Advertisement -