martedì , Giugno 28 2022

Giuseppe Sciarra, un regista sovversivo.

Giuseppe Sciarra o Giuseppe Vincenzo Sciarra, regista metà pugliese metà napoletano di 39 anni, nato a San Giovanni Rotondo e vissuto a Foggia, ha saputo catalizzare l’attenzione in questi anni di pandemia, venendo alla ribalta inizialmente con “Venere è un ragazzo”, un corto rifiutato da molti festival di cinema per una scena di blasfemia che per Sciarra è inesistente, tanto è vero che ha ammesso lo scorso anno al controverso, Ceci n’est pas un blasphème, il festival delle arti censurate per blasfemia, di prendere le distanze da qualsiasi forma di vilipendio alla religione all’interno del suo corto. 

Il tema  religioso però al regista pugliese è molto caro e non è affatto affrontato in maniera dissacrante. Un altro suo lavoro, “Santità” ha conquistato Gionata, un portale su fede e omosessualità, ed è finito sull’importante piattaforma Weshort, mostrando in modo affascinante un’estasi mistica e un amore spirtituale per mezzo delle suggestive fotografie di Antonella De Angelis, che ha immortalato Giuseppe Sciarra e l’altra attrice protagonista Marta Angelini in un’insolita iniziazione ai misteri della fede. Il corto è stato ignorato da molti festival italiani, ottenendo plausi invece negli Stati Uniti, Brasile e Francia. 
Con un corto precedente, girato sottobanco e super osteggiato nei festival, Iesus Martyr, Sciarra in collaborazione con l’attore feticcio del teatro off di Enrico Maria Carraro Moda, Federico Balzarini ha messo in scena un lavoro alla Sarah kane  dove un tossico che vive in un letamaio e trascorre passivamente le giornate si sente un martire e finisce per uccidersi. Caso a parte, “Il terzo occhio” documentario all’Enrico Ghezzi che si ispira alle avanguardie americane di metà anni cinquanta dove Sciarra ripropone l’estasi mistica di Santità applicata agli studenti della scuola di cinema Roberto Rossellini che restano soggiogati di fronte alle opere del pittore Lorenzo Attolini che raffigura se stesso come Gesù Cristo. Anche quest’ultimo corto è ignorato ai festival, ma finisce in importanti piattaforme ottenendo buone recensioni dalle testate di cinema. 

Discorso diverso per Ikos con l’attore mainstream Edoardo Purgatori, che sta spopolando su Disney Channel con la serie di Ferzan Ozpetek, “Le fate ignoranti”. Presentato al Circolo Mario Mieli e in altri contesti importanti, il nuovo lavoro di Sciarra è una denuncia al bullismo subito da bambino con l’importante e commovente testimonianza di sua madre. Il corto, a dire di molti, merita di essere proiettato nelle scuole ed è di una potenza politica non da poco capace di sconvolgere anche lo spettatore più diffidente. Riuscirà con questo lavoro Giuseppe Sciarra o Giuseppe Vincenzo Sciarra a vincere la resistenza dei festival e a dimostrare che questo paese premia gli artisti che osano e che non realizzano corti strappalacrime seguendo lo schema della pubblicità progresso? 

Sciarra ha realizzato con i registi Andrea Natale e Ennio Trinelli   una docuserie  che uscirà nei prossimi mesi e con Natale ha in serbo un documentario su zio Gianni Improta, ex calciatore del Napoli e diverse opere di fiction in collaborazione con l’attore Giulio Neglia. Il suo lato sovversivo, dunque, è stato messo a bada, vedremo cosa ne penserà il pubblico. 

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

TIM, Måneskin, Elisa D’Ospina il 28 giugno a Milano una challenge per celebrare la “forza della connessione”

Supermodel, il nuovo singolo dei Maneskin, entrato nelle principali classifiche di tutto il mondo, protagonista …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: