giovedì , Aprile 15 2021

Fiorenza Calogero: voce viscerale di Napoli

Attrice versatile, cantante straordinaria e una donna da un’energia pazzesca. La carriera di Fiorenza Calogero è fitta di appuntamenti importanti  anche in questo periodo di fermo per il settore dell’arte ed io sono stato molto felice  di averla intervistata.

La scena è la tua vita sin da piccola. Sia da cantante che da attrice ci catturi nelle storie che interpreti. Quali sono i progetti che ti porti nel cuore tra passato e presente e perchè conservano in te un legame più solido?

Provo tanta nostalgia quando penso al mio passato artistico. Ho iniziato in una compagnia di Castellammare di Stabia, la città dove sono nata, nel 1993 e dopo pochi anni, nel 1998 ho debuttato con una delle compagnie più importanti del mondo, Media Aetas del Maestro Roberto De Simone. Da quel giorno è iniziato il mio lavoro da professionista e da quel giorno nn mi sono piu’ fermata! Ho ricordi e legami  belli con tutti i colleghi, capocomici, direttori di scena e maestranze. Tutti hanno dato un grande valore aggiunto alla mia crescita artistica, in particolare in teatro  Rino Marcelli, Gino Rivieccio, Giacomo Rizzo, Maurizio Casagrande, Mariano Rigillo, Virgilio Villani, Antonio Calenda, Armando Pugliese, Bruno Garofalo, Franco Miseria, Antonio Casagrande, Angela Pagano invece nella musica Enzo Avitabile, Eugenio Bennato, Enzo Gragnaniello, Pino De Vittorio, Cristina Branco, Amal Murkus, Vittorio Grigolo,…e tanti tanti  altri! Conservo ricordi e emozioni con tutti. Nel mio presente sto vivendo  un legame un pò burrascoso con  Raffaele Viviani , sto preparando un disco e un nuovo concerto dedicato al grande drammaturgo stabiese, ma non è facile trovare una strada personale su Opere Vivianee che reputo complesse.

Sei nel cast della serie tv in onda il Lunedì in prima serata su Rai 1 Il Commissario Ricciardi”. Che tipo di esperienza è stata?

 “Il Commissario Ricciardi” è stata una delle esperienze professionali e umane più belle della mia vita. Io ho in attivo due film, “Passione” per la regia di John Turturro e “Enzo Avitabile Music Life” del premio Oscar Jonathan Demme. Ma in entrambi il mio ruolo era quello di cantante, interpretavo me stessa! Per la prima volta invece ho potuto vivere questa esperienza da “attrice”.In Ricciardi Interpreto “Marietta ‘a guardiaporte” nell’episodio “Vipera”. Un piccolo ruolo ma intenso e passionale! Mi sono divertita tantissimo, ho vissuto la vita da set , ho imparato tante cose, ho avuto la possibilità di conoscere persone meravigliose! E sono stata fortunata, perché, come prima esperienza, sono stata diretta da una grande persona e un artista unico, il regista Alessandro D’Alatri.

Sei protagonista insieme ad altri artisti del panorama musicale napoletano del Progetto Napoli suona ancora” promosso dall’ Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e Arealive. Cosa significa per te Napoli suona ancora” in un momento storico così particolare e sofferente anche per il tuo settore?

“Napoli suona Ancora” è stato un evento organizzato dall’Assessorato al Comune di Napoli e Arealive. E’ stato il mio giorno di “normalità”, dove tutto era possibile, quel “tutto” che fino ad un anno fa sembrava “una cosa” ovvia e scontata. Non mi è sembrato vero! Il giorno della mia registrazione sembravo Alice nel paese delle meraviglie! Ho condiviso quest’esperienza con il chitarrista Ernesto Nobili, è stato molto emozionante ed ero tanto emozionata! “Napoli suona ancora” è stata la dimostrazione che , se si voleva, si poteva lavorare in totale sicurezza.

Mi piace concludere questa intervista con qualcosa di tuo che condividi con noi. Una parola, una frase o citazione che ti ha dato sempre la forza di andare avanti e di non mollare mai.

Ho sempre avuto una grande resilentia! Mi sono sempre chiesta: Il bicchiere è mezzo vuoto o mezzo pieno? E così ho iniziato ad allenarmi e a “trasformare” positivamente tutto ciò che vivevo come avverso! Sia per provare ad andare oltre, sia per convivere con una realtà sfaccettata e variegata. Io amo la vita!

a cura di Salvatore Vincenzo Catapano

(Foto di Elisabetta Fernanda Cartiere)

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

Dalla depressione all’approdo ufficiale nel mondo del rap. La filosofia di Relativo

Relativo, pseudonimo di Salvatore Gamardella, nasce a Napoli il 12 Luglio del 2000. Cantautore, rapper, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: