domenica , Agosto 1 2021

EURO 2020: le partite di oggi 13 giugno

Wembley ospita il match delle 15:00 tra Inghilterra e Croazia. Arbitra Orsato. Primo quarto d’ora di gioco gestito quasi esclusivamente dai padroni di casa, colpevole anche la difesa “morbida” degli uomini di Dalic. La Croazia ha una line up interessante: Modric, Rebic, Kovacic, Perisic, Vrsaljko e Livakovic tra i pali. Harry Kane punta di diamante della formazione britannica, con alle spalle Sterling, Rice, Phillips e Foden; centrale Mount. Proprio Foden crea la prima occasione al sesto minuto, con la palla che colpisce il legno. Dopo gli arrembanti 20 minuti degli Inglesi, i ritmi devono necessariamente calare e solo da quel momento la Croazia riesce ad uscire dalla sua metà campo. Quanto ad incisività, però, i 21.000 presenti sugli spalti si sarebbero aspettati di più. Il primo tempo infatti si chiude a reti inviolate. Nella seconda parte di gioco, non si assiste a grandissime azioni, ma l’Inghilterra sembra essere più motivata. E’ Sterling che realizza la prima rete: al minuto 56, su assist di Phillips, trova lo spazio per inserirsi e di prima infila un tiro basso e centrale superando il portiere.  Poche emozioni per il resto del match, la Croazia non riesce ad essere incisiva. Finora l’Inghilterra non aveva mai vinto una partita d’esordio all’Europeo. Scommessa vinta dal ct inglese Southgate che ha puntato sul numero 10 di proprietà del City.

Alle 18:00 l’Arena Nationala di Bucarest si gioca Austria – Macedonia del Nord: Pandev contro Kalajdzic, ma non solo. I ct Foda e Angelovski mettono in campo due formazioni molto differenti nell’aspetto tecnico: 5-3-2 per i macedoni, 4-4-1-1 per gli austriaci, quindi prevalente difensivismo per i primi, tanto lavoro a centrocampo per i secondi, che per la prima volta accedono alle fasi finali della competizione. La Macedonia è più concentrata e gestisce meglio il gioco, ma al 18mo Lainer realizza di testa su assist di Sabitzer: chiara espressione di uno schema studiato più volte, a dispetto del gioco più aperto e vivace degli avversari. Gli undici di Foda cambiano lo schema di gioco, riducendo a 3 elementi la difesa e inserendo Baumgartner dietro alle punte. Il vantaggio dura poco: Pandev approfitta di un rimpallo e con estrema calma appoggia in rete al 28mo. Il primo tempo termina sul punteggio di 1 – 1. Nel secondo tempo la Macedonia cresce e gli avversari hanno qualche difficoltà a contrastare le varie manovre d’attacco. Tuttavia, al 78mo Alaba si propone in un’azione personale e piazza un assist a Gregoritsch, subentrato a Baumgartner, che realizza la rete del 2 a 1. La Macedonia ha speso troppe energie e il goal avversario pesa. L’Austria respira, approfitta del momento e realizza anche il terzo goal: Arnautovic recupera il pallone, va in dribbling e mette la palla sul fondo della rete. E’ il novantesimo. Il match finisce 3 a 1.

Per il girone C, alle 21:00 c’è Olanda – Ucraina al Johan Cruiff Arena. Grande spettacolo quello offerto dalle due squadre, che praticano un gioco aperto e veloce. Per l’Olanda Stekelenburg tra i pali, con il comparto difensivo gestito da De Vrij nella linea a tre, un centrocampo affollato, con De Jong centrale, e in attacco i due arieti Weghorst e Depay. Gli ospiti rispondono con Yaremchuck unica punta, supportato da Yarmolenko più arretrato, Malinovsky centrale e Karavaev in difesa. Ritmi serrati, dunque, e il portiere Buskan impegnato seriamente dagli attacchi degli Orange. Al 51mo Wijnaldum sfrutta la respinta dell’estremo difensore ucraino e mette in rete con un tiro dal limite dell’area. Ora serve confermare il vantaggio, perché l’Ucraina non cede. Dopo 7 minuti è infatti Werghost a colpire, con un tiro da distanza ravvicinata, ma gli uomini diretti da Shevchenko non cedono. Al 74mo Yarmolenko riapre la partita con un missile imprendibile indirizzato all’incrocio dei pali e sull’onda emotiva in 4 minuti Yaremchuck pareggia il conto dei goal con un colpo di testa su calcio piazzato. Il 3 a 2 per gli Orange lo firma Dumfries di testa (85’) e vale i 3 punti messi in palio. Un bel match, molto fisico, che pochi team in competizione sarebbero in grado di reggere.

a cura di Clemente Scafuro

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

Gran colpo della Ristopro Janus Fabriano, benvenuto a Elhadji Thioune

La Ristopro Janus Fabriano è lieta di comunicare l’ingaggio di Elhadji Thioune, in forza alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: