sabato, Febbraio 24, 2024
No menu items!
HomeRedazione StreetNewsMusicaANGELINA, PRINCIPESSA DI SANREMO. Si chiude la 74ma edizione del festival. La...

ANGELINA, PRINCIPESSA DI SANREMO. Si chiude la 74ma edizione del festival. La Mango vince sul popolarissimo Geolier.

Tra migliaia di meme, post e altri contributi social, si chiude a notte inoltrata l’edizione più seguita del festival di Sanremo. A spuntarla è la giovane Angelina Mango, figlia d’arte, cantante pop. Al suo fianco, nelle fasi finali della kermesse, la rivelazione Geolier, mattatore nel televoto ma non favorito da stampa e radio.  Novità di questa 74ma edizione, appunto, è stata l’eliminazione della giuria demoscopica e della costituzione di quella delle radio, selezionate secondo criteri di rappresentanza del territorio italiano, a condizione che fossero Fm e non solo web. E oltre a meme e trend topic sui social, la storia fantastica di questo Sanremo 2024 racconta di memorabili momenti televisivi, frammenti divertenti, ma anche spiacevoli “inconvenienti” come un ballo comico e qualche fischio di troppo. Cinque serate indimenticabili, con protagonisti eccellenti, come Giovanni Allevi, Gigi D’Agostino, Russel e John, ognuno con la sua storia e la sua presenza, talvolta commovente, altre volte leggerissima.

Il rapper italiano e napoletano Emanuele Palumbo, al secolo Geolier, si è messo in mostra da subito: leader nelle classifiche della “mezza serata” e di quella dei duetti, ha registrato i consensi del televoto con cifre che nemmeno il direttore artistico Amadeus avrebbe mai immaginato, tant’è che durante la serata finale ha comunicato che un tale flusso di adesioni rischiava di mandare in tilt il sistema. 60 percento: su 100 persone che votavano telefonicamente l’artista preferito, 60 erano per Geolier. Poi la stampa ha scelto un altro artista, idem e la radio e così Angelina, la ragazzina del Sud, protagonista di altri contest televisivi dedicati a personaggi in cerca di gloria, ha conquistato il gradino più alto del podio. Medaglia di bronzo per Annalisa. Francamente, il podio era prevedibile già qualche mese fa, quando anche i bookmakers avevano stabilito quote molto basse per i tre e coefficienti ben più elevati per tutti gli altri. Q

ualche dubbio sulla funzionalità delle tre giurie era stato mosso già nei primi giorni, per diversi motivi. Ad oggi, con l’eliminazione della giuria demoscopica, si rischia di “non tener conto” di un notevole numero di contatti, rischiando così di appiattire la competizione. Geolier, infatti, ha ottenuto risultati strabilianti con il televoto, mentre radio e giornali hanno optato per qualcosa di totalmente diverso e convogliando, nell’ultima votazione, tutte le risorse sull’artista marateota. “La noia” è indubbiamente un brano che comanderà le classifiche per qualche settimana, giusto in tempo per consentire all’artista di creare qualcosa di nuovo. Angelina Mango poi ha quel cognome che vale tantissimo e finora ha dimostrato di essere in grado di sostenerlo.

 Il Festival è comunque cambiato. La musica si è trasformata in stili e generi nettamente diversi dalla old school degli anni ’50 e ’70: oggi, tra rap, pop e un po’ di elettronica (ingombrante), il profilo mainstream assume tutt’altro significato: se dapprima l’underground urbano, il pop-punk e la trap erano qualcosa di relegato ad un contesto, una nicchia, oggi il classico teorico musicofilo e pertanto le valutazioni, le influenze di voto e gli stessi votanti fanno un passo indietro… o forse dovrebbero, invece di riempire di fischi la cattedrale della musica italiana. Cosa resterà di questo Festival non ci è dato sapere. Gli artisti, tutti, che si sono esibiti sul palco dei Sanremo, hanno già in programmazione tappe e tour in giro per il mondo, poi c’è l’Eurovision song contest e anche in quel caso ci toccherà seguire attentamente ogni singola performance.

Nel frattempo, però, andrebbe proposto un esame di coscienza a quanti hanno deciso che essere napoletano doveva rappresentare un handicap (tra il pubblico dell’Ariston, ma anche in terra di Partenope) o, ancora, che non fosse opportuno accogliere le innovazioni in un panorama musicale che non si racchiude più nello stucchevole tecnicismo e nella nozione da manuale. Questa è un’epoca di sperimentazione, di voglia di evadere, di cambiamento: quello che è stato, resta e nessuno può cancellarlo via così, con un colpo di autotune. Per il futuro, però, sarebbe il caso di evitare di ergersi a “paladini del tradizionale” e contrastare qualsiasi innovazione. Altro invito alla riflessione è pacificamente rivolto a quanti fanno informazione su larga scala: se un artista arriva primo e vince grazie al pubblico, non ha rubato niente a nessuno. Magari, la prossima volta, per limitare i fischi, le teorie complottiste, il malumore, basterà spendere qualche centesimo e votare, come hanno fatto milioni di persone. Oppure cambiare canale, o ancora meglio, uscire a fare una bella passeggiata, godere dell’aria aperta, rigenerare animo e corpo, senza cercare, inutilmente, di imporre un proprio punto di vista a chi non l’ha nemmeno richiesto.

Ora ci si gode i successi e , opportunamente, si potrà andare a letto prima.

A cura di Clemente Scafuro  –  immagini dal web

image_printStampa Articolo
Redazione StreetNews.it
Redazione StreetNews.it
Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli popolari

commenti recenti

- Advertisement -