sabato , Agosto 13 2022

Il beat è il suo motore a trazione anteriore. i remix di Domenico Imperato per leggere i brani musicali in modo diverso

Domenico Imperato incarna perfettamente l’essenza del talento di saper stare in console e la spiccata propensione per la produzione musicale di matrice elettronica.

Di ritorno dall’esperienza londinese, Domenico diventa fin da subito uno tra i DJs più richiesti dell’area campana portando il suo DJ set in perenne bilico tra innovazione digitale e performance vinilica in main locations quali Arenile, Golden Gate, Duel Beat e Metropolis affiancando, grazie alla sua poliedricità stilistica, nomi internazionali del calibro di Derrick May, Moodymann, The Black Madonna, Scuba, Ben UFO, Red Axes, Adriatique e Blawan.

Il 2015 è anche l’anno del lancio di Transitions, il primo vero radioshow curato da Domenico ogni Lunedì sera per un’ora e mezza sulle piattaforme streaming di Radio UMR.

Nel 2019 Domenico ha pubblicato sull’etichetta svizzera Lemon Juice il suo nuovo EP, “Magnetic Dreams”, che lo ha portato a suonare in diverse capitali europee compresa Londra, ospite del party “Bring It Back”.

È del mese di novembre invece la nascita di “The Revelation”, esperienza audiovisuale di un’ora registrata nella suggestiva location di Villa Bruno (San Giorgio a Cremano, Napoli) e trasmessa in streaming in cross-posting sulle pagine Facebook ufficiali di Domenico Imperato e VJ Lab con l’obiettivo di indagare attraverso un unico flusso sonoro il rapporto tra Uomo e Natura.

Ciao Domenico, raccontaci come è nata la composizione musicale di Caelum che rientra nel set dei tuoi remix.
Ascoltando la traccia di TNTS Caelum (Original – Mix) ho pensato di poter utilizzare alcuni elementi della versione originale dell’artista cambiando l’atmosfera e cercando di rendere tutto un po’ più scuro dando ovviamente sempre importanza agli elementi principali come la melodia, alcuni suoni di bass line e qualche percussione usata dall’artista per poi aggiungere qualcosa di mio come drum bass synth ed efx. Sono intervenuto inoltre con una scrittura totalmente diversa dell’arrangiamento dando la mia impronta e aggiungendo qualche nota di pad synth lead così da interpretare a modo mio la visione del brano senza trascurare ciò che la versione originale volesse trasmettere.

Quanto conta secondo te il beat in un brano del tuo genere?
Il beat in un brano del mio genere conta tantissimo come del resto anche gli altri elementi. Nel remix di Caelum, ad esempio, il tutto è stato studiato e sviluppato per essere proposto e suonato in un centro serata con dancefloor infuocato. In questo caso il beat è abbastanza minaccioso e aggressivo, come il resto degli elementi, partendo dal basso finendo per synth lead efx e tutto il contorno atmosferico.

Secondo te comporre un brano prettamente musicale e ritmico come il tuo può essere più complesso rispetto ad un tipico arrangiamento musicale per un testo musicale?
No, non si tratta di più o meno complesso in quanto decidiamo noi artisti il livello di complessità di un brano. Ci sono alcuni brani cantati che sono molto difficili da arrangiare come ci sono brani ritmici molto più complessi rispetto ad uno cantato. È l’artista che da l’importanza e la complessità ad un brano che sia cantato o solo ritmico, sicuramente più è complesso più è difficile elaborare un mix che sia in grado di arrivare e penetrare nella mente delle persone. Inoltre da non sottovalutare l’aspetto soggettivo poiché la percezione di un brano dipende molto anche da chi ascolta.

Come nascono i tuoi remix?
I miei remix difficilmente partono di mia iniziativa ma mi vengono commissionati. Da qui parte la mia visione di come posso interpretare quel brano seguendo la mia strada e seguendo ciò che il mio pubblico si aspetta da me e ciò che io voglio trasmettere a loro. 

Quanto tempo hai impiegato?
Ho impiegato circa un mese e mezzo per finalizzare il lavoro.

Hai mai pensato di prestare la tua arte per la composizione di colonne sonore per il settore cinematografico?
Si certo, sarebbe un onore per me. Credo che la mia musica potrebbe tranquillamente essere affiancata ed adatta ad un discorso cinematografico.

Nel tuo percorso artistico a chi ti sei ispirato?
Solo per citarne alcuni :

Metallica,Massive Attack Apparat,Telefon tel aviv ,Michael Jackson, Prodigy ,Daft Punk, John Digweed,  Laurent Garnier,Matthew Johnson, Stefan Bodzin,Recondite . Diciamo che apprezzo tanti artisti su svariati generi musicali che tra loro non hanno un vero e proprio nesso oltre ovviamente l’alta qualità della musica proposta.

Progetti a breve e lungo termine?
Ho delle uscite programmate da ora fino dicembre 2021 e ci sarà un cambio di agenzia di booking da VJ Lab ad Antinode con le stesse persone che gestiscono il mio profilo artistico. È appena partita la mia nuova collaborazione con Red&blue e con He-Art Music. Mentre di progetti a lungo termine ce ne sono tanti tra cui aprire una mia etichetta discografica e fare un mio party. Ad ogni modo il progetto più forte e sentito adesso è quello di ripartire con gli eventi e di poter ricominciare a salire sulle consolle e portare la mia musica.

Rosalba Lisbo Parrella

image_printStampa Articolo

Chi è Rosalba Lisbo Parrella

Giornalista per caso, economista per professione, scrittrice per hobby…. Connubio perfetto per una realtà in progresso… Ebbene mi chiamo Rosalba Lisbo Parrella, laureata in amministrazione e legislazione d’ impresa, professoressa di scuole secondaria di secondo grado, commercialista. Impegnata nel sociale e non solo… e affascinata dalla politica.

Leggi anche

La tromba che suona la bellezza

Nello Salza, che tutti identificano come “La tromba del cinema italiano” o “La tromba da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: