mercoledì , Gennaio 27 2021

“Harem”: il primo beat tape del rapper e beatmaker umbro Met Fish ora disponibile in freedownload

HAREM è il primo beat tape del rapper e beatmaker umbro MET FISH, dall’11 dicembre in esclusivo free download disponibile online.

Questo sperimentare con la musica nasce nel 2007, anno in cui l’artista decide di seguire la passione per il rap e per la produzione, iniziando anche a partecipare e vincere diversi contest di freestyle nella scena locale.

Dopo diverse pubblicazioni, tra demo e street album, HAREM rappresenta il primo lavoro interamente strumentale del producer: per Met Fish, l’HAREM nella musica è uno spazio intimo in cui trovare rifugio dalle difficoltà della vita quotidiana, dalle paure e dalle insicurezze, ma anche un luogo in cui non tutti possono aver accesso, dove ci si mostra per quello che si è e non si deve temere alcun giudizio.

I toni malinconici e cupi del progetto comunicano diverse sensazioni, in cui l’ascoltatore viene invitato a immergersi…

Scarica “Harem” in freedownload

Credits
Tutti i beat sono stati prodotti da Met Fish
Mixaggio e master a cura di Liz Vega

Tracklist

Track by track

Jeff The Killer Il concept della traccia risiede nell’omonimo creepypasta, egli è una persona che a seguito di un incidente decide di diventare un serial killer. Prima di farlo, però, avverte un enorme senso di vuoto, un turbinio interiore, ma allo stesso tempo sente l’esigenza di cambiare.
Nella storia appena descritta ho ritrovato le stesse sensazioni presenti sia in me stesso che nel mondo circostante. Data questa gradevole simmetria, ho scelto di inserirla nell’ep.

BaphometPer ciò che riguarda Baphomet, avevo in mente di produrre un beat cupo, che strizzasse l’occhio all’esoterismo e all’occultismo. Ho cercato il sample che mi sembrasse più adatto, la ricerca mi ha portato ad ascoltare i dischi di colonne sonore (per lo più di film horror e/o splatter). Questo l’ho
trovato in una colonna sonora prodotta da Mario Bava. Inoltre, al fine di rendere il pezzo più incisivo, ho preso uno stralcio di audio da un documentario su Bafometto e l’ho utilizzato come intro.

Brainstorm In Brainstorm ero alla ricerca di un sample malinconico, che potesse indurre me e l’eventuale ascoltatore a lasciarsi andare con la mente e ripercorrere una serie di ricordi. Essendo amante della musica Soul sono rimasto folgorato dal sample ed ho deciso di utilizzarlo.

Caronte Il beat di Caronte è nato a seguito di una massiccia influenza della musica Rock e Metal. Nel periodo in cui stavo lavorando su questo beat ero alla ricerca di samples di questo tipo, però volevo che fossero cupi e trasmettessero un leggero senso di inquietudine, così la scelta è ricaduta
su Ronnie James Dio.

Melanconia L’ultimo beat l’ho immaginato come la puntata finale di una serie tv. Quella in cui lo spettatore si pone delle domande sulla possibile continuazione della serie. Nel mio caso, al fine dare un continuum ai miei progetti, ho cercato concludere il lavoro con un beat dai toni malinconici.

BIO

Damiano Capo in arte Met Fish, classe ‘93, è un rapper e beatmaker umbro. Si avvicina all’Hip Hop con il writing, intorno al 2006. Inizialmente si dedica esclusivamente a questa disciplina, successivamente – dopo l’ascolto di Chi more pe’ mme dei Co’Sang e Tradimento di Fabri Fibra, decide di dedicarsi solamente al rap. Dal 2007 in poi, inizia ad improvvisare le prime rime ed a
comporre i primi beat. Nel 2008 partecipa e vince diversi contest locali di freestyle.
Nel 2009 incide il primo demo, All Eyes On Met , dieci tracce composte sulle strumentali di 2Pac, alternando brani conscious a esercizi di stile.

Negli anni successivi, al fine di migliorare la metrica e il flow, continua a mettersi in gioco nel freestyle e studia approfonditamente, fino alla pubblicazione di Beatz and flow nel 2011, uno street album in cui sperimenta con la metrica, con il flow e le produzioni.
Negli anni a seguire incide Primo Dan e Secondo Dan , due album in cui si occupa sia dei testi che delle produzioni.
Dal punto di vista dei beat, ama spaziare tra samples di musica jazz, soul, metal, dubstep e reggae, per ciò che riguarda i testi, invece, ha potenziato lo storytelling narrando di persone comuni alle prese con le loro difficoltà quotidiane. La peculiarità dei due album è che tutte le canzoni sono collegate tra di loro.
Negli ultimi mesi del 2020 esce il suo primo beat tape, Harem.

Alessandro Testa

image_printStampa Articolo

Chi è Alessandro Testa

Classe 1984, è ingegnere e allo stesso tempo critico cinematografico e appassionato di cronaca e giornalismo. Dal 2019 collabora per StreetNews.it!

Leggi anche

“Etilene” è il nuovo brano di Lorenza!

Da venerdì 29 gennaio sarà disponibile in rotazione radiofonica “Etilene”, il nuovo singolo di Lorenza. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: