Giuseppe Cucè: “La musica mi porterà sempre verso un me stesso migliore”

Dal 13 gennaio è disponibile in rotazione radiofonica “La mia Dea” (TRP Vibes / Believe Digital), il nuovo singolo di Giuseppe Cucè, che descrive il legame che ciascuno di noi ha con la propria madre, quel dono prezioso, la scintilla che ci dà la vita, il tramite meraviglioso che ci permette di fare il viaggio più bello. La madre è anche amore incondizionato, anche quando non necessariamente ci ha portati nel suo grembo, come persona fisica può commettere tanti errori, ma sarà sempre e comunque la nostra fonte. La funzione materna non si esaurisce solo in un significato biologico e generativo, bensì ha un importante significato simbolico. La madre è colei che accompagna il bambino nel mondo e che gli rimanda il primo sguardo su di sé, importante nella costruzione del proprio senso di identità.

Ecco la nostra intervista al cantautore siciliano.

Ciao Giuseppe, come è iniziato il tuo viaggio artistico?

Il mio viaggio inizia intorno al 2005, quando decisi di suonare nei club della mia città Catania, prima di allora coltivavo la mia passione per la musica, scrivevo tanto e ascoltavo tantissime canzoni. Un giorno ho chiesto ad alcuni musicisti che conoscevo di preparare insieme a loro un live di cover di brani da reinterpretare in chiave differente da come erano stati concepiti, l’idea piacque e da li iniziai a fare tanti live in giro, la chiave acustica fu certamente vincente, chitarra classica, violoncello e percussioni. Già da allora cominciavo a cercare il mio stile e a scrivere le mie canzoni fino ad arrivare al 2008, anno in cui finalmente pubblico il mio primo album di inediti dal titolo La mela e il serpente.

Qual è stata la prima canzone che hai imparato a suonare alla chitarra o al pianoforte?

Sono state diverse, e le ho imparate a suonare al pianoforte, ma la prima in assoluto fu Mi sono innamorato di te di Luigi Tenco.

Quando hai composto la tua prima canzone?

La mia prima canzone che ho composto è stata La ballata di un fiore, ricordo che il testo lo scrissi in cinque minuti, folgorato da una forte ispirazione e risale al 2006. Questo brano poi è stato uno dei brani più importanti del mio primo album.

Quando finisci di produrre un brano chi lo ascolta per primo?

Solitamente cerco sempre un feedback dagli amici più cari, attraverso loro ed il confronto che ne scaturisce, riesco poi a mettere a fuoco la canzone che ho scritto.

Come ti rapporti con la scena musicale della tua città?

Quando suonavo in giro più spesso mi sentivo sempre motivato e sostenuto, oggi che suono più di rado mi accorgo che molte cose sono cambiate, mi accorgo che pian piano ci sono meno luoghi dove si suona dal vivo e questo mi dispiace moltissimo.

È uscito da poco il tuo nuovo singolo “La mia Dea”, da cosa è stato ispirato?

La mia Dea è semplicemente colei che mi ha messo al mondo, la nostra Dea è colei che ci tiene per mano da piccoli per poi lasciarci andare verso gli uomini e le donne che saremo. Il rapporto con la propria madre, quel sentimento unico ed in sostituibile, di questo parlo nella mia canzone, di quell’affetto che non vorresti mai perdere e che vorresti fosse sempre accanto a te.

Dove ti porterà il tuo amore per la musica? Su cosa stai lavorando?

La musica mi porterà sempre verso un me stesso migliore, con lei potrò crescere ogni volta e sarà per sempre l’unico modo che mi permetterà di esprimere appieno i miei sentimenti.

Adesso sto lavorando alla realizzazione del mio terzo album di cui sia La mia Dea insieme ad altri brani ne faranno parte.

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

Gae Vinci ci racconta “Summer is too long”

“Summer is too long” è il terzo singolo di Gae Vinci, che anticipa l’album di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: