mercoledì , Dicembre 2 2020


Esordio al Teatro Sannazaro di Napoli con “Don Giuann”, trasposizione in chiave contemporanea del Don Giovanni di Molière, ambientato per l’occasione a Napoli.

Dopo aver riadattato e raccontato classici in alcuni dei luoghi più belli d’Italia, dall’Anfiteatro Campano alle Grotte di Pertosa, dalla Reggia di Caserta al borgo di Civita di Bagnoregio, Il Demiurgo porta il suo teatro nei luoghi canonici: dopo aver esordito lo scorso anno al teatro Nuovo con S.A. – Senso Artificiale, coprodotto dal Teatro Pubblico Campano, la compagnia Irpina sbarca ora al Sannazzaro, uno dei teatri Campani più belli, prestigiosi e importanti.

In linea con la poetica de Il Demiurgo in scena vi sarà una variazione su tema rispetto a un classico senza tempo, una delle commedie più belle mai scritte: Don Giovanni o il convitato di Pietra (1665) di Molière è per altro un’opera molto più vicina alla sensibilità moderna di quanto non si pensi.

“Don Giovanni” è un classico senza tempo, capace di attraversare i secoli e arrivare a noi con la dirompente efficacia di un personaggio a noi contemporaneo. Un personaggio che con noi condivide l’insoddisfazione, la smania di possesso e la confortante noncuranza per il domani.


Alessandro Testa

image_printStampa Articolo

Chi è Alessandro Testa

Classe 1984, è ingegnere e allo stesso tempo critico cinematografico e appassionato di cronaca e giornalismo. Dal 2019 collabora per StreetNews.it!

Leggi anche

La Caritas di Cicciano – Sai come funziona il calendario dell’Avvento?

Una risposta arriva dalla Caritas di Cicciano, il calendario dell’Avvento che ha come funzione, quella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat