giovedì , Maggio 28 2020

De Niro non smette mai di sorprendere: anche da “stagista”

Lo stagista inaspettato

Voto 7/10

Ben (Robert De Niro) è un pensionato vedovo e settantenne. La sua vita senza lavoro e amore è una vita senza senso tale da far di tutto pur di trovare un impiego.
Decide, pertanto, di ripartire da zero, mettersi nuovamente in gioco candidandosi in un programma di stagisti senior promosso da una azienda di abbigliamento che è start-up.


Ben riceve un ruolo particolarmente privilegiato: assistere la fondatrice dell’azienda, la giovane Jules (Anne Hathaway) con 40 anni in meno. Jules è una donna che ama la perfezione e non riesce a stare con le mani in mano.

Il punto di svolta della storia è la tramutazione della sua iniziale diffidenza verso Ben in rispetto e ammirazione.

La storia appare sin dall’inizio interessante, seppur bizzarra. Grazie a un Robert De Niro sempre in gran forma e all’altezza di ogni ruolo, il film può ricevere apprezzamento da buona parte della critica cinematografica.

Come in ogni commedia che si rispetti, intravediamo dopo le iniziali perplessità e scontri una solida amicizia tra i due protagonisti; un rapporto che diventa un po’ padre-figlia: lui trova l’amore, lei recupera la famigliola.

La Meyers è regista e sceneggiatrice; dirige una commedia sentimentale spumeggiante e vivace con dialoghi spesso spiritosi.

Consigliato: Sì

Alessandro Testa

image_printStampa Articolo

Chi è Alessandro Testa

Classe 1984, è ingegnere e allo stesso tempo critico cinematografico e appassionato di cronaca e giornalismo. Dal 2019 collabora per StreetNews.it!

Leggi anche

Rifugiarsi dietro ai libri per vincere la guerra

Storia di una ladra di libri Voto 6/10 Siamo nella Germania alle porte della seconda …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat