venerdì , Settembre 24 2021

Dalle giovanili al Mondiale in Germania del 2006. La bandiera della Roma si chiama Francesco Totti

Mi chiamo Francesco Totti

Genere Documentario, - Italia, 2020, durata 101 minuti.
Regia di Alex Infascelli con Francesco Totti. 

E’ giunto oramai all’epilogo della sua carriera da calciatore. Francesco Totti, campione del mondo 2006 e bandiera della Roma, ripercorre la sua vita e trova la forza di dire addio.

L’idea del documentario è di rivedere il calciatore romanista nella sua completa umanità. Alex Infascelli, regista del lungometraggio, riesce nell’intento regalando allo spettatore passione e emozioni indipendentemente dalla sua fede calcistica.

Questo grazie anche alla simpatia e semplicità di Totti che ha scelto più volte la maglia rinunciando al denaro. Questo l’ha resto un fedele della Roma e punto di riferimento per tanti suoi compagni di gioco e colleghi nel mondo del calcio.

Si tratta di un documentario, pertanto non è possibile approfondire le tecniche cinematografiche adottate. DI sciuro però si può confermare una buona sceneggiatura che ha consentito di percorrere tutte le tappe principali della carriera professionistica di Totti.

Consigliato: Sì

Alessandro Testa

image_printStampa Articolo

Chi è Alessandro Testa

Classe 1984, è ingegnere e allo stesso tempo critico cinematografico e appassionato di cronaca e giornalismo. Dal 2019 collabora per StreetNews.it!

Leggi anche

“Il tocco del piccolo angelo” il nuovo romanzo giallo/noir di Fiorenza Pistocchi (Neos Edizioni), disponibile in libreria e negli store online

È disponibile in libreria e negli store online “Il tocco del piccolo angelo”, il nuovo romanzo giallo/noir di Fiorenza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: