giovedì , Novembre 26 2020

Coronavirus, al via call per test sierologici 

[CORONAVIRUS NEWS – Adnkronos]

“Nelle prossime verrà resa pubblica una call per tutte le aziende che ritengono di avere dei test che rispondono alle caratteristiche” individuate dal Comitato tecnico scientifico e fornite a commissario Arcuri. Lo ha annunciato Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), durante la conferenza stampa alla Protezione Civile. “La call sarà aperta per 5 giorni, dopodiché un panel identificato dal commissario Arcuri procederà all’identificazione del test che verrà selezionato per la conduzione di questo studio di sieroprevalenza su un campione di 150mila italiani, selezionati in collaborazione con Istat in funzione del genere, di 6 fasce d’età, di rappresentazione regionale e anche profili lavorativi”. 

“I test sierologici ci permetteranno di condurre lo studio di sieroprevalenza, per la determinazione della percentuale” di italiani “contagiati dal coronavirus”. Lo studio verrà condotto “impiegando o test Elisa o test di chemiluminescenza, per avere informazioni solide e affidabili”. Il Cts ha fornito al commissario Arcuri le indicazioni su come “articolare la scelta: altissima specificità, test validati da organismi nazionali o internazionali, test realizzabili su larga scala, con almeno un laboratorio per regione in grado di condurre l’esame sierologico e che dovrà fornire risposte rapide per avere in tempi assai brevi” i dati necessari. Non solo, “lo studio verrà condotto in collaborazione con le Regioni e le Province autonome, che hanno dato piena adesione alla conduzione di questo studio”, ha assicurato Locatelli. 

TAMPONI – “Solo il 5,35% di tutti i tamponi fatti è risultato positivo. Vuol dire che il distanziamento sociale e il ‘lockdown’ hanno contenuto la diffusione epidemica” ha evidenziato Locatelli durante la conferenza stampa.  


“Se guardiamo i numeri dei ricoveri in ospedale, se due settimane fa, il 3 di aprile, c’erano ricoverati in terapia intensiva 4.063 pazienti, oggi questo numero è sceso a 2.800”, per dare “un’idea di quanto si è alleggerita la pressione”, ha precisato Locatelli, aggiungendo che “prima che iniziasse la situazione di emergenza il numero dei posti in terapia intensiva in Italia superava di qualche centinaio i 5000 posti. Immaginate la difficoltà di garantire l’assistenza a chi ha bisogno delle terapie intensive”, ha sottolineato.  

TRAPIANTI – Locatelli ha poi voluto ricordare che “domenica è la giornata per la donazione di organi, dal 26 febbraio sono stati effettuati 330 trapianti di organo”, garantiti anche durante l’emergenza. “I numeri dell’epidemia di Covid-19 hanno artigliato le nostre conoscenze e credo debbano indurci a riflettere sulla cultura della donazione di organi. Questa cultura deve permeare le nostre coscienze” ha sottolineato.  

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

Diego Armando Maradona – E’ morto dopo un arresto cardiaco… il più grande calciatore di sempre

Diego Armando Maradona, il numero 10 che ha incantato tutti i tifosi del calcio. Non esistono …

Open chat