sabato , Febbraio 27 2021

Catello Maresca: l’Onda del Cambiamento su Napoli

Potrebbe essere un'immagine raffigurante Roberto Della Ragione e Cat Mar e persone in piedi

La Giornata della Legalità si è svolta ieri 17 Febbraio in Piazza Scipione Ammirato nel cuore della Napoli Sociale e Popolare del Quartiere Materdei e si è affrontato il delicato tema della criminalità giovanile e del rispetto della Legge.

E’ dai Giovani che si deve ripartire per far rinascere Napoli. Ne è convinto il magistrato Catello Maresca, ospite ieri sera dell’associazione “Napoli ai Giovani” e del suo Presidente Salvatore Paternoster, che lo ha accompagnato per i vicoli di Materdei a conoscere da vicino la realtà del Quartiere.

Prima tappa presso la chiesa di Santa Maria della Provvidenza per celebrare il Mercoledì delle Ceneri, poi il tour nelle strade dove tanti erano i ragazzi che lo attendevano entusiasti della sua presenza.

Bisogna far capire con parole semplici che chi fa il camorrista è uno scemo – ha esordito rivolgendosi ai giovani presenti con lui – Si diventa delinquenti quando si è ragazzi, nella mia storia di magistrato non ho conosciuto nessun adulto che lo sia diventato. Quando capisci che hai sbagliato, è sempre troppo tardi. Dobbiamo farlo capire in tempo. La vostra Comunità deve crescere, e sono certo che facendolo ci riuscirete“.

Queste le parole del Magistrato Dott. Catello Maresca ai nostri microfoni:

La verità è che nun se porta cchiu’ fa ‘o camurrista. È passato di moda. Ormai il camorrista è sinonimo di scemo. Non conviene più. Stamattina ragionavo con altre persone: dobbiamo partire dalla considerazione che si diventa delinquenti da ragazzi. Io non conosco un adulto che abbia scelto a 50 anni di fare il camorrista. Spesso vi è la concezione che fare il buffone per sentirsi importante, sembra essere l’unico modo per valorizzare sé stesso. Quando però capisci di aver fatto una bravata, spesso è troppo tardi. Dobbiamo imporci di farlo capire in tempo a tutti i ragazzi. Ogni persona che lo capisce è una persona salvata, ed una persona salvata è una risorsa per la società. I camorristi sono una piaga, sono parassiti che creano guai e problemi. La Comunità deve crescere, con la capa tosta che abbiamo noi. Così facendo sono certo che anche le Istituzioni ci verranno dietro!”

“Siamo attivi da 3 anni su un territorio in cui mancano del tutto gli spazi di aggregazione, esiste solo la strada. Curiamo il verde, cerchiamo di recuperare i ragazzini, vogliamo essere di esempio per tutti”. A fargli eco Raffaele Criscuolo che ha visto grazie al magistrato cambiare la sua vita: “Io ho commesso diversi reati in passato, dalla rapina allo spaccio, oggi però sono dalla parte della Legalità e per questo sostengo Maresca”.

Proprio il magistrato non ha voluto rilasciare dichiarazioni sulla sua candidatura a Sindaco della città con il centrodestra. A chi gli domandava un’opinione sull’operato delle Istituzioni locali per contrastare la criminalità giovanile, Maresca non si è sbottonato. Si può fare di più” – è stato il suo secco commento. Meglio essere prudenti in questi giorni di nuovi governi e nuove alleanze.

Eppure lo scenario politico appare in pieno fermento: ad accompagnare Maresca c’erano anche l’avvocato Hilarry Sedu, di recente salito alla ribalta dopo aver denunciato di aver subito discriminazioni da parte di un Giudice del Tribunale minorile di napoli (vicenda poi conclusa con il chiarimento tra i due); Sedu è stato anche candidato alle ultime regionali in una lista a sostegno del governatore Vincenzo De Luca. Un puzzle frastagliato che a breve dovrà trovare una quadra.

Si chiede a gran voce un concreto e fattivo contributo Istituzionale che abbia come obiettivo quello di garantire ai Giovani un’alternativa alla delinquenza. Bisogna agire sulla presa di coscienza creativa e far comprendere ai ragazzi, già in tenera età, che la Legalità è nel rispetto quotidiano di regole. È facile sbagliare, ma bisogna credere nella possibilità di poter cambiare la realtà, con spirito di sacrificio, rettitudine morale, senso del dovere ed onestà.

image_printStampa Articolo

Chi è Roberto Della Ragione

Roberto Della Ragione, Scrittore Professionista, nasce ad Alghero (Sassari) da Genitori Napoletani Emigrati per Lavoro. Docente di Ruolo di Diritto ed Economia Politica e Ricercatore Universitario. È stato il più Giovane ViceSindaco d'Italia (2002-2003) nel Comune di Bacoli (Napoli). Tre Lauree Magistrali, Dottore Commercialista e Revisore Contabile, è attualmente Presidente di Commissione nei Corsi di Formazione Professionale nella Regione Campania

Leggi anche

Armando Vallone e le 7 sorelle: la nuova e-commerce che emoziona

La redazione di Streetnews nello spazio dedicato ai giovani imprenditori di successo vuole focalizzare l’attenzione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: