fbpx
Home  /  Terrazza Spritz a Napoli: vascio o Terrazza? La nostra impressione

Terrazza Spritz a Napoli: vascio o Terrazza? La nostra impressione

0

Qualcuno l’ha definita un vascio spritz, qualche altro “ un Cammarota del Vomero”, certo è che le reazioni social all’inaugurazione della nuova Terrazza Spritz made in Naples non sono state affatto clementi, ma facciamo un passo indietro.

Giovedì 24 ha inaugurato a Napoli, in via Alvino al Vomero, la terrazza Spritz, già luogo simbolo di Milano ormai quasi quanto il Duomo e da qualche tempo presente anche a Barcellona. L’hype era al massimo per il grande evento inaugurale, dalle 18 e 30 alle 19 e 30 spritz gratis per tutti e poi gonfiabili, musica e tanto altro, eppure ciò che pare abbia lasciato maggiormente sconcertati i tanti accorsi per l’evento è stata proprio l’assenza di un terrazzamento nell’accezione comune del termine: chi conosce un po' Napoli del resto avrebbe dovuto sapere che via Alvino è una strada priva di sbocchi panoramici, posta a ridosso di via Scarlatti, resta comunque una strada di passeggio, affollata nel week end.

.

Noi, però, non ci abbiamo pensato due volte e nel giorno par exellence dedito al ciondolamento per le strade cittadine con un calice alla mano, abbiamo deciso di provarlo per voi. Il colore predominante del locale è l’arancio, lo stile richiama la pop art con poster pubblicitari incorniciati, sedie e tavolini vintage, nel complesso l’ambiente risulta informale e allegro, all’esterno una zona con tavolini e mini sofà su cui accomodarsi comodamente. Chiaramente ordiniamo spritz classici, al costo di 8 euro l’uno, serviti in un bel calice di vetro e, pezzo forte, arrivano accompagnati da un vassoio ricco di appetizer caldi, patatine San Carlo e adorabili barattolini pieni di ogni tipo di noccioline salate o piccanti, insomma per essere domenica sera possiamo dire di esserci saziati. Non da sottovalutare la gentilezza e solerzia del personale nonché l’assenza di un costo aggiuntivo per il servizio al tavolo. Unica assenza per me significativa, ma facilmente colmabile, è stata quella di un sottofondo musicale degno; niente musica assordante per carità, ma un sottofondo musicale di qualità, diffuso in tutti gli ambienti del locale sarebbe un’ulteriore spinta ad ordinare magari il secondo drink al costo ridotto di 6 euro.

Qualcuno ha scritto in modo dispregiativo che questa è una terrazza Spritz alla napoletana, ma io non riesco a trovare il lato negativo in questa affermazione. Se il format milanese trapiantato a Napoli assume sembianze partenopee posso solo gioire della forza delle nostre radici culturali: Napoli sempre pronta ad accogliere le novità senza mai perdere la propria natura, anzi capace di fondere fenomeni culturali, radici, antico e moderno, vascio e terrazza.

A cura di Ilenia Papilio

Write Your MessageYour Full NameYour E-mail Address

POST A COMMENT

Write a Review

Contact the property