fbpx
Home  /  Interviste   /  Musica da rispostiglio….ma per modo di dire!

Musica da rispostiglio….ma per modo di dire!

Una realtà musicale nata dal ventennale sodalizio artistico di Luca Pirozzi e del chitarrista Luca Giacomelli, a cui si sono aggiunti successivamente Raffaele Toninelli al contrabbasso ed Emanuele Pellegrini alla batteria.

Nel corso degli anni il gruppo Musica da ripostiglio partecipa ai programmi radiofonici: Radio2 Social Club, condotto da Luca Barbarossa,  SuperMax, condotto da Max Giusti, e Non è un Paese per Giovani condotto da Giovanni Veronesi  trasmessi su Radio 2; Fuorigioco trasmesso su Radio 1.

Partecipano al programma televisivo su Canale 5 Tu Si Que Vales, partecipano per due volte al programma Edicola Fiore condotto da Fiorello in onda su Sky Uno HD e su TV8. Sono nella terna finalista del premio Le Maschere del Teatro Italiano stagione 2013/2014 come autori di migliori musiche per teatro per lo spettacolo SERVO PER DUE con Pierfrancesco Favino.

Chiudono la diretta televisiva al Teatro San Carlo di Napoli suonando un brano inedito L’ORCHESTRINA DA RIPOSTIGLIO. La loro esibizione viene trasmessa in diretta su Rai 1.

Nel 2017 esce Live in Capalbio 3.0 il disco live registrato in superHD per la VDM Records. Il disco è stato selezionato per i Grammy Awards 2017.

Reduci da una serie di tournèe teatrali (Servo per Due, Signori in Carrozza, Django, Una Favola di Campania, Teresa la Ladra, ecc) e da innumerevoli collaborazioni con attori del calibro di Pierfrancesco Favino, Paolo Sassanelli, Giorgio Tirabassi, Rocco Papaleo, Mariangela D’Abbraccio, Isabella Ferrari, Alessandro Haber, Claudio Santamaria, Giuliana De Sio, Vincenzo Salemme, Leo Gullottai Musica da Ripostiglio tornano sulla scena discografica con il loro nuovo disco ZAN ZARÀ (Irma Records).

Abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Luca Giacomelli, il chitarrista della band che vuole fare tanta bella musica esplosiva originale. Jazz & Swing sono gli stili predominanti. E’ un‘opportunità per scostarsi dal classico genere musicale a cui siamo abituati ad ascoltare – afferma Giacomelli.

Per chi ascolta questo nome per la prima volta, i Musica da ripostiglio spiazzano il lettore: si è infatti tentati di pensare alla musica e strumenti accantonati negli sgabuzzini o nei ripostigli; in realtà il senso è dovuto proprio al fatto che la band si rifà all’old style utilizzando cose vecchie che però non hai coraggio di buttare
E’ un insieme di generi con strumentazione particolare come il banjo, ukulele , cucchiaio, tavolini, sedie, bicchieri, di tutto di più…
Musica da ripostiglio è una realtà musicale inserita nel contesto teatrale; gli artisti hanno spalleggiato diversi attori di calibro nazionale come Papaleo, Favino e Salemme. Si tratta di un vero e proprio sposalizio tra teatro e musica; infatti il gruppo dichiara di avere una doppia anima: teatrale e cantautoriale.
Nel primo caso, grazie alla complicità di Favino nello spettacolo “Servo per due” hanno effettuato una tournée di 3 anni. Da quel momento e dato il grande successo, il quartetto ha continuato con altri notevoli artisti utilizzando da un lato il teatro e dall’altro la musica nella casa del teatro.
Di certo, l’appoggio teatrale aiuta sicuramente a spianare la propria strada.
[…] ma credo che nulla avvenga per caso e ciò ha fatto intendere che in fondo la nostra mission non è solo fare la solita ed esclusiva musica ma anche il teatro divenendo quindi non solo musicisti ma anche attori. Abbiamo fatto alcuni spettacoli dove addirittura i protagonisti eravamo in realtà più noi musicisti che gli attori stessi.
In programmazione ci sono concerti per tutta l’Italia e lo spettacolo  “A ruota libera” con Veronesi, Rubini e Papaleo. 
Verso la seconda metà di Agosto avremo modo anche di conoscerli dal vivo in alcune loro tappe in Campania e Puglia
Alessandro Testa
[metadata element=”date,comments,views” ]