fbpx
Home  /  Interviste   /  Immagini ad arte…Daniele De Angelis!

Immagini ad arte…Daniele De Angelis!

Ci si può ispirare ai papà ma fino ad un certo punto, se manca la giusta propensione si finisce semplicemente con l’imitare, se però di base c’è un talento che viene stimolato, spronato, dunque scoperto, si diventa degli ottimi professionisti. Stavolta non parliamo di musica, non è il ballo a fare da protagonista, neppure la recitazione, l’arte ha infinite sfaccettature e la “fotografia” è una di quelle che meglio la rappresenta, soprattutto se dietro l’obiettivo c’è…Daniele De Angelis. Noi rimaniamo di continuo estasiati dai suoi scatti, la passione che avvertiamo ci conquista. Ed eccolo pronto a raccontarci un po’ di se’.

Come nasce l’amore per la fotografia? Sei stato indirizzato da qualcuno o è partito tutto da te?

Allora innanzitutto c’è da dire che mio padre è un fotografo, un ruolo che svolge soprattutto per passione visto che nella vita ha un altro lavoro, io sin da bambino ho sempre desiderato fiancheggiarlo. Quando faceva qualche servizio fotografico chiedevo di andare con lui, non ci capivo molto di quel mondo ma ne ero affascinato, più vedevo più cresceva in me la voglia di procedere in quel cammino. Con gli anni mi sono reso conto che questo tipo di arte è, come tutte le altre, costituita da doti innate ed io ne avvertivo tutti gli impulsi per poter proseguire.

E così dai vita ad un tuo studio fotografico, ti perfezioni e grazie a diversi eventi, tra cui delle mostre, ricevi anche dei riconoscimenti che ti consentono di essere notato ulteriormente.

Si, ho fatto due mostre con la “Pro Loco di Cicciano” ed ho avuto dei premi, esattamente secondo e terzo posto, per le foto più votate, una bella soddisfazione.

Ti occupi di modellismo e decidi di portare l’hobby nel lavoro, inizi ad utilizzare il “drone” nelle diverse imprese, ossia un aeromobile che viene adoperato proprio per le riprese dall’alto…

Certo, si cerca di stare al passo coi tempi! Dunque mi faccio accompagnare dal “drone” nelle diverse cerimonie, matrimoni, comunioni, compleanni , anteprime ed ovunque possa dare un tocco in più. Si corre dietro al moderno, si prova a scrutare il futuro ed a sfidare la tecnologia.

Pensi di essere agevolato quindi nell’elaborazione delle foto per l’immenso sviluppo della tecnologia e dall’appartenere all’epoca del “digitale”?

C’è da dire che io ho vissuto anche la fase della “pellicola”  quindi posso avvertirne nel bene e nel male le varie differenze. E’ vero l’era del “digitale” ti favoreggia soprattutto per una questione di tempo e di comodità, non hai la paura di sbagliare e vedi subito la foto, si ha la possibilità di intervenire istantaneamente a qualche errore, si può ritoccare, ma spesso noto che le persone pretendono troppo, in svariati casi si tendono a chiedere molte modifiche e ciò rende la foto surreale, spesso ottenendo il risultato di apparire ciò che in realtà non si è. Forse anche per questo io, pur uniformandomi alle richieste del pubblico, prediligo la foto naturale.

Cosa ami fotografare maggiormente?

Tutto…ma principalmente alcuni eventi e le persone, soprattutto le spose. Aldilà del lavoro che mi appresto a fare, cerco di creare una sintonia mentale. Quel giorno per loro è uno dei più importanti dell’esistenza, sono protagoniste assolute, bisogna tranquillizzarle, metterle a proprio agio e fare in modo che quegli scatti lascino il segno per l’intera vita.

Cosa ci anticipi dei tuoi eventi futuri?

Sono in continua attività ovviamente, sto cercando di creare un progetto insieme ad una “wedding planner” dove si possano coinvolgere anche altre attività, penso ci saranno degli ospiti e si avrà modo di passare dei bei momenti. Gli aggiornamenti saranno comunicati sulla mia pagina ufficiale presente su facebook. Per il resto il domani si basa tutto su ciò che si può dare e principalmente è fatto di cordialità, umiltà, qualità, il futuro parte proprio da questo…

Non poteva trovare parole migliori Daniele per terminare la nostra intervista, ciò che cerca di offrire è dunque il meglio, doti umane fondamentali per chi fa l’artista, perché sa che sono i sentimenti più nobili a colorare le sue immagini. Quasi restio a voler stare al centro dell’attenzione per la paura di apparire poco professionale, ne esce con una marcia in più poiché fa trasparire una persona seria che fa al meglio il proprio mestiere. Come quando crea un contatto mentale col soggetto da fotografare per farne venir fuori la parte migliore o, come quando immortalando un panorama, riesce a farne percepire un vero tocco di poesia…

Clicca sulla foto di Daniele De Angelis per ingrandire

www.danieledeangelisfotografia.com

Ripresa Drone di Daniele De Angelis

di Margherita Saporito

Sorry, the comment form is closed at this time.