sabato , Luglio 11 2020

Il liceo dei campioni di sci “Ski College Bachmann” festeggia 20 anni di attività.

Lo Ski College Bachmann nasce nell’anno scolastico 2000/2001 grazie all’intuizione di due professoresse: Tiziana Candoni, oggi coordinatore didattico e sportivo, e Lucia Negrisin, attualmente dirigente scolastico presso un’altra scuola. Tale Istituto d’Istruzione Superiore, l’unico progetto educativo italiano statale al servizio dello sport e il primo liceo in Italia a proporre un progetto sugli sport invernali, si è fin da subito rivolto agli atleti delle discipline sportive invernali (discesa, snowboard, fondo e salto) che, in uscita dalla scuola secondaria di primo grado, intendevano proseguire gli studi nella scuola statale e conseguire il diploma di maturità scientifica. E così è ancora oggi, naturalmente con alcune implementazioni ed evoluzioni.  Il progetto si accaparrò fin da subito il sostegno della Regione Friuli-Venezia Giulia, della Provincia di Udine, del Comune di Tarvisio, del CONI e della FISI Nazionale.

Quest’anno la scuola festeggia il ventennale riconfermando l’intenzione di consolidare la sua attività formativa e il prestigioso percorso agonistico, rendendola sempre più moderna e quindi al passo con i tempi.  L’Istituto, frequentato da studenti-atleti con diverse provenienze nazionali e internazionali, contribuisce alla formazione interculturale per la futura carriera agonistica e professionale dei ragazzi. Il liceo Bachmann ha come obiettivo primario quello di supportare la crescita degli studenti-atleti sotto il profilo didattico e sotto il profilo sportivo. Dà dunque l’opportunità di crescere in maniera sana attraverso lo sport e i valori educativi da esso trasmessi.  Conciliare l’attività sportiva di alto livello e un percorso formativo di qualità riesce complicato se si adottano i tradizionali schemi di giudizio, perciò il metodo utilizzato in questo liceo sfrutta la flessibilità didattica costruendo un percorso scolastico di livello personalizzato, adattato attorno agli impegni agonistici dei ragazzi. Ne consegue un percorso di studi scandito da tempi e caratterizzato da metodologie che devono soddisfare sia gli impegni agonistici che quelli formativi.

Sono richieste abilità agonistiche acquisite per le diverse discipline degli sport invernali. Essendo un liceo scientifico, chi ivi si diploma può iscriversi a tutti i corsi di laurea.  L’impostazione didattica confluisce in un’impostazione formativa professionalizzante che consente agli studenti di acquisire competenze lavorative e organizzative spendibili nel mondo dello sport. Infatti, i diplomati potranno accedere a successivi corsi professionali specifici sui mestieri della montagna e alle selezioni per diventare maestri di sci.
Rilevante è l’attenzione data alla preparazione motoria: accanto alle discipline dello sci alpino, di fondo, del salto, c’è tutto un sistema di preparazione motoria, con quattro preparatori atletici tra cui Bruno Anzine (vent’anni in Coppa del Mondo), che ha seguito atleti vincenti e popolari come Deborah Compagnoni e Kristian Ghedina.


Con il Convitto statale “Luciano Lazzaro” l’Istituto Bachmann garantisce il soggiorno degli studenti-atleti in un CasaClima strutturato secondo i più moderni standard organizzativi, dove gli educatori ministeriali seguono 24 ore su 24 l’attività e la formazione del singolo ragazzo, in sinergia con docenti e allenatori. Esso consente ai diplomandi di vivere a pieno il contesto geografico e paesaggistico del Tarvisiano, a diretto contatto con la natura, in un ambiente sicuro e tranquillo.Molti sono gli atleti di Coppa del mondo alpino di livello cresciuti tra i banchi del liceo sportivo Bachmann come Mattia Casse, che ha recentemente vinto la discesa di Wengen, Mara Martini, Lucia Mazzotti e Andrea Gartner(squadra nazionale di fondo). Ma non solo vi sono anche diplomati 160 maestri di sci e 17 studenti atleti inseriti nelle squadre nazionali/corpi militari/squadre universitarie.

a cura di Giuseppe De Carlo

image_printStampa Articolo

Chi è davidenapoletano

Davide Napoletano, classe 1987, organizzatore per il mondo degli eventi di piazza, locali, privati e di beneficenza, ama in modo particolare la scrittura e dopo aver collaborato con giornalisti famosi a livello nazionale decide di dar vita al quotidiano online StreetNews.it e seguire anche la strada della notizia come reporter/giornalista. I suoi hobby sono la grafica pubblicitaria, fotografia e il marketing pubblicitario.

Leggi anche

Gasparri attacca: “Bugie Tridico ormai da caso umano” 

[FONTE Adnkronos]   Stampa Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat