sabato , Maggio 28 2022

Film in evidenza: “Licorice Pizza” e “La figlia oscura”

Licorice Pizza (anno 2021, drammatico, diretto da Paul Thomas Anderson, con Alana Haim, Cooper Hoffman, Sean Penn, Tom Waits e Bradley Cooper; durata: 133 minuti; al cinema dal 17 marzo 2022, distribuito da Eagle Pictures): 1973, San Fernando Valley. Tra il quindicenne Gary Valentine e la venticinquenne Alana Kane scatta amicizia e complicità, che il ragazzo vorrebbe sfociassero in una relazione la quale tuttavia tarda a concretizzarsi per le resistenze di lei. I due condividono temerarie avventure, come il business dei letti ad acqua (che però alla fine fallisce) o il pericoloso incontro con Jon Peters, tronfio compagno di Barbra Streisand – avventure che li portano a unirsi e nello stesso tempo ad allontanarsi, fino alla risolutiva lieta conclusione. Film mediocre, che appassiona e coinvolge poco, malgrado le prestigiose candidature di cui può vantarsi; in compenso non manca qualche riuscito sviluppo comico.

La figlia oscura (anno 2021, drammatico, diretto da Maggie Gyllenhaal, con Olivia Colman, Jessie Buckley, Dakota Johnson, Ed Harris e Peter Sarsgaard; durata: 121 minuti; al cinema dal 7 aprile 2022, distribuito da Bim Distribuzione): Leda Caruso, docente universitaria, conosce, durante una vacanza in Grecia, la giovane Nina, madre di Elena che ha solo 3 anni. La bimba, smarritasi, è ritrovata proprio da Leda, ma nella confusione perde la sua bambola preferita, per la quale tutti si mobilitano in estenuanti e inutili ricerche. Leda, che l’ha rinvenuta, decide di tenerla nascosta, malgrado Elena si disperi e pianga tutti i giorni. Intanto la donna rivive, in dolorosi flashback, la sua vita passata, quando, a seguito di una relazione con un collega, abbandonò le figlie Bianca e Martha. Confessa i suoi sensi di colpa di “madre snaturata” a Nina, a cui solo alla fine restituisce la bambola. La presa di coscienza di un’amara verità interiore, accelerata dal susseguirsi delle vicende di cui ella è testimone e in cui, tra le righe, rivede il proprio vissuto personale, nonché dalla aggressiva reazione di Nina nei suoi confronti, favorirà il finale percorso catartico della protagonista. Con un adattamento dell’omonimo romanzo di Elena Ferrante (2006), la Gyllenhaal esordisce alla regia di un lungometraggio realizzato in modo un po’ frettoloso e che non è del tutto convincente, soprattutto nel tentativo di scandagliare un animo contraddittorio e percorso da mille tormenti quale quello di Leda, le cui azioni sembrano più il frutto di una dissociazione mentale che di un graduale percorso di maturazione interiore.

Massimiliano Longobardo

image_printStampa Articolo

Chi è Redazione StreetNews.it

Il 16 Settembre 2016 nasce StreetNews.it, quotidiano on-line di diffusione delle principali notizie regionali e nazionali con un particolare focus sulle news locali. La redazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti in vari settori come grafica pubblicitaria, web e social marketing, web master, videomaker e film-maker, giornalisti, fotografi, event manager e altri, offre la possibilità di realizzare piani di comunicazione su misura: Articoli, comunicati stampa, banner grafico da inserire in video e rubriche, banner sito, cortometraggi e realizzazioni video per privati, aziende e locali, reportage fotografici. Sponsorizzazione negli eventi organizzati dalla redazione: Striscione, Flyers, T-shirt, Gadgets.

Leggi anche

“L’UOMO ELASTICO”,  IL LIBRO A FUMETTI DI NUNZIO BELLINO E GIUSEPPE COSSENTINO PER FAR CONOSCERE LA  SINDROME DI EHLERS DANLOS

E’ arrivato in  tutte le librerie d’Italia  L’Uomo Elastico, la graphic novel ideata da Nunzio Bellino, con la sceneggiatura …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: