fbpx

A Korçia (Albania) il Festival internazionale di Poesia “ La Corona d’oro”

La cultura costituisce per ogni popolo un prezioso  patrimonio; conseguentemente, la storia è testimone del lungo percorso realizzato il tale direzione dalla notte dei tempi. I protagonisti del mondo culturale passano il testimone, di generazione in generazione e la  letteratura, oltre a parlare dell’anima e del respiro di un popolo, ci permette di costruire solidi ponti  attraverso l’incontro ed il confronto dialettico ed interculturale fra mondi e popoli diversi. Nell’Olimpo della letteratura risiede la poesia con il suo pervasivo afflato che avvicina culture, storie, popoli, paesi.

L’ Albania, uscita 30 anni fa da un sistema socialista, sta cercando di integrarsi in Europa non solo nell’ambito politico e ci vorranno degli anni, ma anche nel contesto culturale. Fra le manifestazioni che mettono in contatto questa nazione con il mondo vi sono i festival di poesia ed uno fra i più noti in Europa è il Festival internazionale di poesia “la Corona d’oro” di Korçia.

La XXIV edizione, nell’ambito della manifestazione dal titolo “Le serate korçiare di Poesia” si è svolta il 1° e il 2 giugno 2019 nella citta’ di Korcia, a sud/est dell’Albania, a 180 km circa dalla capitale Tirana, al confine con la Grecia e la Macedonia del Nord. La città, chiamata la piccola Parigi, è situate ai piedi  della catena montuosa di Morava e ha una popolazione di 70 mila abitanti circa. Korçia è considerata città della cultura e negli ultimi tre anni anche la città delle feste.

Un’altra grande iniziativa è quella della “Festa della Birra”, la prima birra in assoluto,  che si svolge ogni anno in agosto.
Il festival consiste in una kermesse patrocinata dal Comune di Korçia ed organizzata dalla Biblioteca civica, in collaborazione con il Centro dell’Arte e della Cultura e il Club degli Scrittori “Il nuovo Mondo” del Paese e L’Universum Albania.  Il festival, fondato 24 anni fa da un gruppo di poeti e scrittori di Korçia, nel corso degli anni ha visto autorevoli ospiti stranieri e molti nomi famosi albanesi che vivono in varie città della nostra nazione.

Nelle ultime dieci edizioni hanno partecipato molti poeti dai Balcani, dall’Europa, dall’America, dal Medio Oriente e così via, fra cui i più stimati a livello internazionale, come il poeta greco Dinos Kubatis, l’italiano Giuseppe Napolitano, il kosovaro Agim Vinca, Berisha, gli americani George Walles, Craig,  la turca Sema Guler, oltre a numerosi poeti albanesi.
Nella prima serata i poeti, provenienti anche da oltreoceano, hanno partecipato a un reading di benvenuto di loro liriche recitate dagli attori del teatro di Korçia e di Tirana in lingua albanese. Dopodichè hanno avuto il modo di visitare ed ammirare la cittadina fra i suoi splendori, fra cui il nuovo teatro ristrutturato, i santuari delle religioni, il vecchio bazar, nei cui locali si suona la musica tradizionale di nome “serenade” etc.

Il secondo giorno è stato  dedicato ai musei della città, fra i più importanti in tutta l’Albania.
Infine, la serata di premiazione, svoltasi nel nuovo edificio della Biblioteca della città, alla quale i poeti hanno partecipato recitando le loro poesie nelle rispettive lingue, una mappa multietnica davvero interessante.  La giuria composta da poeti, attori e  registi ha poi proclamato i vincitori del festival, conferendo al poeta americano George Walles il premio la “Corona d’oro”, alla poetessa turca il premio intitolato al più grande poeta albanese “Dritëro Agolli”, alla poetessa kosovara Naime Beqiraj la “Migliore poesia” ed altri premi a poeti albanesi.
La manifestazione culturale si è conclusa con un arrivederci alla prossima edizione.

di Daniela Cecchini

leave a reply