Violenza sulle donne:”Vergognosa violazione dei diritti umani”.

Tantissimi i casi di violenza sessuale sulle donne negli ultimi tempi.  Sia che si tratti di uno stupro, sia di un abuso sessuale, sia di una violenza sessuale, la vittima viene privata  del  diritto al proprio corpo e derubata della propria anima.  Infatti notevoli e di grande entità possono essere le conseguenze sia psicologiche che fisiche.

Chi subisce una violenza sessuale psicologicamente può manifestare auto-colpevolezza, compromissione dell’ equilibrio emotivo-relazionale, stato confusionale, forte bisogno di razionalizzazione,  annientamento e angoscia,  apatia, rabbia, disturbi alimentari, disturbi da stress post-traumatico, comportamenti autolesionisti; fisicamente invece ferite, gravidanza indesiderata, malattie sessualmente trasmissibili, aborto spontaneo.

Nonostante siano state introdotte pene più severe e scarcerazioni meno facili,  spesso però chi si macchia di un reato così grave non viene punito a dovere. La verità è che nessuna pena ci sembrerà mai tanto giusta paragonata all’orrore vissuto. La violenza sessuale è un problema politico ma anche sociale.

Alla base di ogni gesto di violenza c’è il mancato rispetto per il prossimo, c’è violazione della dignità e libertà altrui, tutto assolutamente inaccettabile al giorno d’oggi e in una società come la nostra. Sicuramente una giustizia più rigida e esemplare garantirebbe  maggiore sicurezza e protezione, ma  anche sapersi difendere potrebbe essere di grande importanza in situazioni come queste.

E proprio per questo la Fisiosportasd di Carmen Foglia, sensibile ad ogni problematica sia attuale che del territorio, terrà presso la sua struttura nel giorno 11 ottobre un open day con accesso del tutto gratuito. Verranno illustrate e mostrate le tecniche base di difesa personale. Concludo con una frase di Martin Luther King ovvero:  “La mia libertà finisce dove comincia la vostra”.

di Amalia Corrado

Clicca sull’immagine per ingrandire