Tania Lighea e Roberta Orrù e il loro nuovo singolo “ La Casa Capovolta “ a sostegno del progetto culturale “ SINCERUS “!

Mettere il proprio talento a disposizione degli altri, superare grazie ad esso momenti difficili, donare sorrisi, emozioni, una parte di sé. E’ ciò che fanno Tania Lighea e Roberta Orrù attraverso il loro nuovo singolo, “ La Casa Capovolta “. A parlarcene è Tania che si concede alla mia intervista.

Come ha inizio il tuo percorso artistico?

Ho avuto un’infanzia difficile, cantavo per tirare fuori il dolore, le ferite. Cantavo finché non stavo meglio, il canto è diventato parte integrante della mia vita.

E in questo cammino hai avuto modo di partecipare anche al  “ Festival di Sanremo “, cosa si prova ad essere su un palco così importante?

E’ il sogno di tutti i cantanti, il palco simbolo della musica italiana. L’emozione è stata fortissima, mi hanno presentata, io non sono entrata, poco dopo mi sono ritrovata lì, ho provato paura ma anche un’immensa felicità che probabilmente non riuscivo ad esprimere.

Da venerdì 28 settembre è in radio il singolo “ La Casa Capovolta “ ( Anteros Produzioni srl ) cantato da te e Roberta Orrù a sostegno del progetto culturale “ SINCERUS“.

Da un po’ di tempo mi piace regalare il mio talento a progetti culturali, sociali, solidali. Ho scritto questo brano in base a ciò che ho provato durante il sisma che tra il 2016/2017 ha colpito alcune regioni italiane. In quel periodo mi trovavo lontana da casa che si trova a Fermo, nelle Marche, ero in Sicilia, non avevo la tv, né la possibilità di connettermi ad internet, quando ci sono state le prime scosse ho ricevuto tanti messaggi che mi chiedevano se stavo bene, ho capito che era successo qualcosa di grave, ho chiamato i miei familiari e mia madre mi ha raccontato quanto stava accadendo. Per fortuna alla mia casa non è successo niente, ma la mia terra era in emergenza, aveva perso molto. Ho vissuto quest’evento in maniera viscerale. Un giorno, dopo circa un anno, mi sono seduta al pianoforte ed è nata questa melodia, è stata nel cassetto 15 giorni fin quando ne ho parlato  con un amico psicologo, Amadeo Furlan, che aiutava le persone colpite da questa tragedia. Mi ha detto: “ Perché non facciamo qualcosa per dare un supporto attraverso ciò che ci riesce meglio ? “, così è nato il progetto “ SINCERUS “, una raccolta fondi che permette di dare un contributo economico, chi fa una donazione riceve  un cd ed un libro di crescita personale, aiutando così in maniera concreta le zone terremotate. Tra i vari obiettivi che ci poniamo c’è anche quello di creare  dei giardini nelle quattro regioni colpite dal sisma ( Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio ), come simbolo di rinascita e di nuova vita. Roberta Orrù ha voluto unire la sua voce alla mia per dare ulteriore forza a questo progetto. Quella gente ha subito una ferita e ciò che avverte  maggiormente è il bisogno di sentirsi vicino agli altri, ha bisogno di “ presenza “. Siamo una catena umana e possiamo sostenerci a vicenda.

C’è un momento che hai maggiormente a cuore?

La prima parte della mia vita artistica è come se me l’avessero raccontata, il mio fare musica racchiude quello che sto facendo oggi, serve a far sorridere e, ogni volta che ciò accade, mi emoziono molto.

Cosa fai nel tempo libero?

Lo sogno… Svolgo varie attività, utilizzo la musica per aiutare gli altri a superare le difficoltà, canto per donare emozioni, faccio anche formazione ai giovani, attività che mi impegnano molto.

Progetti futuri?

Ho capito che ciò che voglio continuare a fare è questo. Ci sarà un nuovo progetto sociale, per tutte le novità ed aggiornamenti ci si può avvalere del sito www.sincerus.it e delle pagine ufficiali presenti su facebook.

“ Siamo una catena umana e possiamo sostenerci a vicenda “…

Con la musica, con l’amore…

Visita la pagina facebook di Tania Lighea clicca sul link

https://www.facebook.com/ligheaofficial/

Visita la pagina facebook di Roberta Orrù clicca sul link

https://www.facebook.com/Roberta-Orrù-Fan-Page-470376203017936/

di Margherita Saporito