Nola, all’Istituto “Santa Chiara” il Leo Club Nola “Giordano Bruno” bissa un nuovo successo con l’ultimo service targato #NonAlimentareLoSpreco!

Sembrava un’ardua impresa, e invece anche questa volta i soci del Leo Club Nola “Giordano Bruno” hanno portato a termine egregiamente  il service di turno. Questa volta si trattava di una vera e propria novità per il territorio: lo show cooking condotto dal trentenne Maurizio De Riggi, chef creativo del ristorante di San Paolo Belsito (NA) “Markus – Food Experience”, e tenutosi lo scorso sabato 17 marzo mattina presso l’Istituto Scolastico Paritario “S. Chiara”, sito nel cuore del centro storico della città.

Il progetto, intitolato “Non alimentare lo spreco”, è il Tema Operativo Distrettuale del Distretto Leo 108 Ya, di cui l’associazione no-profit nolana fa parte. Il suo scopo è favorire il recupero e la donazione delle eccedenze alimentari e contribuire ad attività di ricerca, informazione e sensibilizzazione dei consumatori e delle istituzioni sull’argomento. Esso si sviluppa sotto diverse forme: sostegno alle famiglie e raccolte alimentari grazie al protocollo d’intesa stipulato con la Onlus “Banco Alimentare”; sensibilizzazione (come in questo caso); raccolta fondi e volontariato.

Nel suggestivo ambiente del refettorio settecentesco del complesso monastico di “Santa Chiara”, lo chef De Riggi  (aiutato dai suoi assistenti) ha portato in tavola la sua filosofia sposandola con gli ideali del progetto “Non alimentare lo spreco”. Al riciclo degli avanzi di cibo è stata dedicata un’ampia lezione, alla quale hanno partecipato gli amici e i parenti sia dei soci del club che dello chef stesso,  in cui sono stati illustrati alcuni piatti di comune utilizzo e le migliori tecniche di trasformazione degli alimenti da scarto a portata di un pasto ben presentato e gustoso.

I tre piatti proposti nel corso lezione sono stati serviti poi agli ospiti, in qualità di portate per un pranzo completo e nutriente. I presenti, quindi, hanno potuto degustare le pietanze, accompagnate dal vino Greco di Tufo “Rieci”, e hanno instaurato un dibattito al fine di chiarire le curiosità sulla preparazione, sui prodotti e sulla genesi del piatto.

Il menù era così composto = 1) “Ciò che resta  di … una pasta e patate”: sfera croccante di pasta e patate su letto di maionese di sedano, carote e cipolla; 2) “Essenza di un risotto”: risotto al profumo di gamberi con pesto di erbe, gambo di carciofo e polvere di prezzemolo; 3) “Carne in brodo?!”: battuto di carne in brodo con giardiniera e salsa di pomodoro maturo.

Dagli avanzi di frigo e  dai cibi solitamente pronti ad essere destinati alla pattumiera, dunque, prendono forma le eleganti ricette sopraelencate. Questa è la dimostrazione che, con un po’ di creatività in cucina e di buon senso, ognuno nel proprio piccolo può contribuire a dare un segnale importante contro lo spreco.

Oltre al già citato ristorante “Markus – Food Experience”, si ringraziano gli altri partner con cui il Leo Club Nola “Giordano Bruno” ha realizzato tale attività di sensibilizzazione: “Macelleria Cittadino”, “Ducato  di Chianche” e “Fattoria Casale Alpega”.

Clicca sulle immagini per ingrandire

di Nicola Compagnone