Nola, al Liceo Classico “G. Carducci” viene presentata la prima edizione del “Certamen Nolanum”

“Identità ed alterità”: così viene denominato il “Certamen Nolanum”, la prima competizione nazionale in lingue classiche ideata dal Liceo Classico “G. Carducci”. Il “Certamen” è stato presentato pubblicamente lo scorso sabato 17 marzo mattina al liceo stesso, luogo in cui si terrà anche la manifestazione culturale i prossimi 8-9-10 maggio.

La presentazione in questione ha goduto di un nobile parterre di relatori, i quali si sono mostrati entusiasti dell’iniziativa promossa: Luisa Franzese (Direttore generale USR per la Campania), Gaetano Manfredi (Rettore Università degli Studi di Napoli “Federico II”), Arturo De Vivo (Prorettore Università degli Studi di Napoli “Federico II”), Edoardo Massimila (Direttore Dipartimento Studi Umanistici), Assunta Compagnone (Preside Liceo “Carducci” di Nola), Geremia Biancardi (Sindaco di Nola), Andrea Manzi (Sindaco di Casamarciano), Luigi Napolitano (Presidente “Rotary Club Nola-Pomigliano”), Marisa Squillante (Coordinatrice del corso di laurea di Lettere Classiche della “Federico II”), Eduardo Federico (Docente Università degli Studi di Napoli “Federico II”), Claudio Buongiovanni (Docente Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”) e Titta Fiore (giornalista de “Il Mattino”, nella sezione Cultura e Spetacolo) che ha discusso de “Il latino e il concetto di identità”. I docenti Squillante, Federico e Buongiovanni faranno parte, a loro volta, della Commissione giudicatrice.

Il “Certamen Nolanum” nasce con lo scopo di :

1) valorizzare il considerevole retaggio archeologico, storico, artistico-letterario, filosofico del territorio nolano e le sue tradizioni dichiarate Patrimonio dell’UNESCO;

2) promuovere le eccellenze, consentendo a studenti di varia provenienza, che mostrino predisposizione per lo studio delle lingue classiche, di incontrarsi e di confrontarsi, vivendo un’ esperienza di relazione che non si riduca alla dialettica agonistica, ma possa diventare un’opportunità di crescita personale e di arricchimento culturale;

3) alimentare nei giovani la riflessione sull’attualità del pensiero classico, ribadendone la centralità mediante il confronto con aspetti antropologici e etnografici dell’antichità classica, attraverso il tema: “L’ incontro fra i popoli e le relazioni tra popoli e territorio”.

Esso si articola in due sezioni riservate agli studenti provenienti da scuole italiane ed estere, nella cui offerta formativa sia compresa la disciplina oggetto del concorso:

-Sezione Iunior: gli studenti del II e III anno; -Sezione Senior: gli studenti del IV e V anno.

Ogni Istituto può concorrere con una rappresentanza di massimo quattro alunni, la cui iscrizione è gratuita. La prova consiste nella traduzione dal latino di un brano in prosa sul tema “Identità e alterità”, integrata da un commento di carattere storico- letterario, linguistico e stilistico per la sezione Senior, da un commento guidato sul contenuto del brano, corredato da considerazioni di carattere retorico e linguistico per la sezione Iunior.

Dall’assemblea, è venuto fuori anche che il comitato organizzativo della I edizione de il “Certamen Nolanum” provvederà a comunicare il programma di tutte le attività ricreative e conviviali che saranno organizzate per i partecipanti. La cerimonia di premiazione, presieduta dal Comitato d’Onore (composto dalle autorità rappresentative delle diverse Istituzioni che hanno patrocinato la competizione e condiviso le finalità), si terrà il prossimo giovedì 10 maggio.

Per ciascuna delle due sezioni esterne, sono state decise le seguenti premiazioni: -I classificato: € 500; -Il classificato: € 300; -IIl classificato: € 200 e menzione di merito. Per ciascuna delle due sezioni interne, sono state decise le seguenti premiazioni: -I classificato: € 300; -Il classificato: € 200; -IIl classificato: € 100 e menzione di merito.

I premi e i riconoscimenti sono offerti con il contributo degli sponsor del “Certamen”. Tutti i candidati riceveranno un attestato di partecipazione che potrà essere inserito nel curriculum personale di ognuno ai fini dell’attribuzione del credito scolastico e/o di altre agevolazioni secondo quanto stabilito dal PTOF (piano triennale dell’offerta formativa) di ciascuna istituzione scolastica.

Un grande “Ad Maiora” a tutti gli alunni che intraprenderanno quest’unica e sensazionale esperienza, all’insegna dell’amore per i classici antichi e per Nola, la terra delle forti … identità.

di Nicola Compagnone