“ Libero Arbitrio “ il nuovo album dei “ Neodea “!

Un dolce suono per distinguersi… “ Neodea “!

A rispondere alle mie domande c’è Luca che parla a nome del gruppo.

Come ha inizio il vostro percorso?

Tutto inizia 15 anni fa, siamo quattro ragazzi che si uniscono per creare qualcosa di differente, ci siamo come ritrovati ed abbiamo cominciato a comporre pezzi nostri, è andata bene, ci piaceva quello che stavamo facendo, ci divertivamo ed abbiamo continuato il nostro cammino.

In che modo nasce il nome del gruppo?

Inizialmente il gruppo si chiamava “ Atena “, il nostro produttore dell’epoca ci suggerì di cambiarlo perché digitando quel nome su internet si avevano svariati risultati, in pochi minuti decidemmo di cambiarlo, ne venne fuori “ Neodea “, era bello il suono di questa parola.

Vi esibite in vari Stati, com’è suonare all’estero?

Il pubblico all’estero è più ricettivo, è aperto alle novità, ha piacere di confrontarsi con altre persone, di conoscere gli artisti, è molto partecipe soprattutto negli eventi live, si vivono esperienze stupende.

Il 30 novembre è uscito il vostro nuovo album “ Libero Arbitrio “ e il nuovo singolo “ Solitudini Urbane “.

Si, “ Libero Arbitrio “ è l’ensemble di racconti, storie vissute ed eventi sentiti che ci hanno colpito tanto. “ Solitudini Urbane “ è uno dei brani più personali, la visione di un mondo di luci, di speranze, di caos, che si contrappone ad una solitudine interiore, che contrasta con la speranza di portare a termine delle cose in una grande città che talvolta ci assorbe.

C’è un momento che ricordate in maniera particolare?

Quando siamo stati premiati da “ Amnesty International “ per il brano “ Violet “, un pezzo che parla dei bambini Kamikaze, è stato inserito in un elenco di canzoni mondiali contro la guerra, una grande emozione.

Oltre agli impegni musicali trovate il modo di frequentarvi?

Certo! Siamo innanzitutto amici, creare un gruppo è stato anche un modo per  stare insieme il più possibile.

Cosa sentite di dire ai ragazzi che intendono intraprendere questo cammino?

Di farlo soprattutto per divertirsi, di non creare castelli in aria, di inseguire la propria passione sempre, se poi arriva qualcosa di bello, ben venga.

Progetti futuri?

Portare in giro il disco nuovo sperando di avere tante occasioni per poterlo suonare, affinché possa arrivare a più persone. Proseguiamo con i vari impegni, per tutte le novità ed aggiornamenti ci si può avvalere delle nostre pagine ufficiali presenti sui vari social.

“ Un modo per stare insieme il più possibile “…

Condividere momenti speciali, la musica da sfondo, la sua magia fa tutto il resto…

di Margherita Saporito