Appuntamento mensile, Top 10 dei “fatti e misfatti” dello spettacolo

Ritorna la stesura della mia Top 10 dei “fatti e misfatti”, accaduti ad aprile, del mondo della tv e del gossip, con qualche richiamo a quello musicale e cinematografico. Iniziamo subito con la decima posizione, partendo sempre dall’argomento meno discusso per poi finire con quello più chiacchierato:

10) Le Lollipop di nuovo sulle scene a tempo di un … “Ritmo Tribale”: si prospetta un’estate tutta da ballare con Le Lollipop, la storica girlband italiana che si è riunita a distanza di anni, con qualche novità. Dopo la vittoria alla prima edizione di “Popstars” nel 2001, le Lollipop avevano esordito sul mercato discografico con il grande successo della loro prima hit “Down Down Down”. Dopo la pubblicazione del secondo disco, “Together”, e una scarsa partecipazione al “Festival di Sanremo” nel 2002 con “Batte forte”, il gruppo allora composto da cinque ragazze (Marcella Ovani, Veronica Rubino, Marta Falcone, Dominique Fidanza e Roberta Ruiu) si è sciolto nel 2004, salvo una rapida (e flop) riapparizione nel 2013 con il singolo “Ciao”. Ora, a distanza di cinque anni, le ragazze sono più forti di prima, anche se solo con 3/5 della formazione iniziale: Marcella, Veronica e Marta sono tornate da venerdì 27 aprile con questa nuova canzone, “Ritmo Tribale”, che si candida ad essere uno dei tormentoni della prossima estate, grazie a un mix di ritmi pop-dance-latini. Un in bocca al lupo … al suon di un contagioso “Ritmo Tribale”!

9) Louis Arthur Charles, è nato il terzo figlio di Kate e William di Inghilterra: Kate Middleton ha partorito un maschietto: è nato il terzo royal baby dei duchi di Cambridge, dopo George nel 2013 e Charlotte due anni fa, a cui è stato dato il nome di Louis Arthur Charles. Il piccolo, che è altezza reale per diritto di nascita, è venuto alla luce la mattina del 23 aprile al St Mary Hospital di Londra, lo stesso dove erano nati i fratelli. Nello stesso pomeriggio, i genitori hanno mostrato il neonato al pubblico, che è stato accolto con entusiasmo da tutta la popolazione. Il nuovo principe è ora il quinto nella linea di successione al trono britannico, preceduto dai fratelli maggiori, dal padre William e dal nonno Carlo. Principi (e re) ci si nasce, e non ci si diventa …

8) “La Corrida” ritorna, ma cambia volto: dopo sette anni senza e dopo esser stata condotta tanti anni su Canale 5 prima da Corrado, poi da Gerry Scotti e Flavio Insinna (solo per un anno), lo storico programma “La Corrida” è tornato (un po’ a sorpresa) sugli schermi televisivi, per la prima volta su Rai Uno da venerdì 14 aprile in prima serata con conduttore ‘l’asso piglia tutto’ Carlo Conti. Il ritorno del varietà cult mantiene inalterate alcune caratteristiche: i dilettanti allo sbaraglio, alcuni commoventi nelle loro convinzioni, altri malinconici nelle loro aspirazioni, la valletta impacciata e il pubblico scatenato (molto più in palla rispetto alle ultime edizioni). Il programma, però, fa della semplicità e della genuinità la sua forza. O almeno, così dovrebbe essere. Quella a cui si sta assistendo è ad una fotocopia che non sarà mai come l’originale. Conti ci prova, ma in queste prime puntate andate in onda non riesce ancora ad essere il vero padrone di casa, al pari dell’inarrivabile Corrado e del più coinvolto Gerry Scotti. Poco empatico con chi si metteva in gioco, molto empatico con il pubblico e la telecamera. Conduceva, ma non scendeva nell’arena e non prendeva ‘il toro per le corna’. La situazione migliorerà? Una corrida che non sa di “Corrida”.

7) Francesca Michielin, un’era ‘2640’ (non ancora) da incorniciare: apprezzatissima dal sottoscritto sin dalla sua vittoria alla quinta edizione di “X Factor” nel 2011, c’è da dire che la sedicenne di allora è diventata una donna oggi. Sto parlando di Francesca Michielin, l’artista completa più giovane e più in voga che c’è in Italia ora: cantante dotata di un timbro riconoscibile, limpido con sfumature rockettare al tempo stesso, che passa dal pop al cantautorato e all’elettronica con facilità. È una polistrumentista di talento, un’autrice molto valida con una penna al passo coi tempi. È una tipa molto intelligente e matura, sa raccontare i suoi 23 anni in modo sia puro che spavaldo. Con “2640”, l’ultimo album uscito a gennaio, raggiunge quella credibilità, quel ‘quid’ in più che le bastava per trovare definitivamente un meritato posto nella musica italiana. Pare che ora abbia tutto dalla sua parte: fan base (non troppo) solida, critica, pubblicità televisiva – social – radiofonica, staff e manager più ‘attenti’ alla sua figura, ecc. Eppure ancora non raggiunge il disco d’oro per il disco, nonostante le prime due canzoni estratte siano certificate e diventate hit, “Vulcano” e “Io non abito al mare”. Cosa c’entra la Michielin con la Top 10 di aprile? C’entra il fatto che il suo tour nei club italiani si sia chiuso ad aprile con successo (9 date su 16 sono state ‘sould out’) e che il pezzo “Bolivia” sia stato rilasciato come nuovo singolo, proprio un mese fa. A proposito di “Bolivia”, la giovane di Bassano del Grappa (VI) qualche giorno fa ha ricevuto su Twitter un messaggio da parte, nientepopodimeno che, del Presidente della Bolivia, Evo Morales Ayma. Egli si congratula con Francesca per aver scritto una canzone che abbia lo stato dell’Ameria settentrionale come titolo e tema, in quanto fornisce un messaggio di speranza e di pace, sottolineando che con la sua musica riesce a collegare due mondi ‘così lontani, ma così vicini’. Una vera soddisfazione per la nostra Francy, che si va ad aggiungere al suo ‘bagaglio personale’ (e culturale, perché no). Ritornando al tour, il successo è stato così grande che non si poteva non programmarne un altro estivo: dal 26 maggio fino al 2 settembre, infatti, la cantautrice sarà nuovamente in tour, e questa volta non solo nei club delle grandi città ma anche nelle località marine. E chissà che, proprio nei mesi più caldi, non ci spunta il nuovo singolo – futuro tormentone dell’estate 2018 (tipo “Tropicale”?). Una Michielin al giorno toglie il medico di torno.

6) L’addio a due improvvise scomparse, Marco Garofalo e Avicii: così diversi, ma accomunati da una morte ravvicinata e inaspettata. Si tratta degli artisti Marco Garofalo e Avicii, scomparsi rispettivamente gli scorsi 19 e 20 aprile. Il primo aveva 62 anni e, dopo esser stato ballerino, era diventato uno dei coreografi più famosi della televisione. Era stato anche professore di danza ad “Amici” nella nona e nella decima edizione e, a distanza di sette anni, era ritornato lo scorso febbraio per uno stage speciale con i ballerini. Era malato da diversi anni, ma l’ha nascosto talmente bene al punto che ancora oggi non è chiaro pubblicamente di quale malattia soffrisse. Simile discorso per Avicii. Il dj svedese ventottenne sembrava che fosse felice di essere all’apice della sua carriera e, invece, lontano da tutto e da tutti soffriva di depressione. La famiglia di Tim Bergling, suo vero nome, ha recentemente affermato che non poteva più andare avanti e voleva trovare la pace. Dichiarazione che già faceva pensare ad un suicidio, cosa rivelatasi poi vera nel momento in cui è stato comunicato che si sarebbe tolto la vita usando un pezzo di vetro (preso da una bottiglia di vetro rotta) con cui si è autoinflitto delle ferite, che avrebbero a loro volta causato una forte fuoriuscita di sangue. “Il silenzio, a volte, vale più di mille parole”.

5) “Loro 1”, il nuovo e atteso film di Paolo Sorrentino: è nelle sale cinematografiche, dal 24 aprile, il nuovo film di Paolo Sorrentino “Loro 1”, il cui secondo atto (“Loro 2”) uscirà il 10 maggio. La pellicola narra le vicende professionali, politiche e private di Silvio Berlusconi, interpretato da un intenso Toni Servillo, e delle tante figure intorno a lui negli anni del decadimento (dal 2006 al 2010 circa). Il regista prepara nel migliore dei modi il terreno per quello che sarà il secondo e conclusivo capitolo del “film su Berlusconi”. Egli dedica gran parte del film a Loro, “quelli che contano”, il sottobosco di personaggi che cercano di avvicinarsi al potere, a Lui, con qualsiasi mezzo lecito o illecito che sia. È un film che abbonda di corpi nudi, di fiumi di cocaina sniffata e venduta, di corrotti, corruttori e prostitute. Tutto questo fino a quando non appare Lui, Silvio Berlusconi. Ecco allora che si entra nel vivo e si nota il sentimentalismo di un uomo che sta vivendo un momento di calma apparente, dove da una parte brama per riprendersi il potere a lui appartenuto per tanti anni, e dall’altra cerca di mettere (invano) una toppa al suo matrimonio con Veronica Lario, interpretata magistralmente da Elena Sofia Ricci. Il protagonista, intanto, si rende conto che attorno a lui c’è un mondo che entrerà di lì a poco a far parte della sua vita, quel mondo che “Loro 2” avrà sicuramente il compito di raccontare. La pellicola, al 1° maggio, ha incassato 2,3 milioni di euro. Al momento, forse, una cifra un po’ sotto le aspettative per il ritorno di Sorrentino. “Tutto non è abbastanza”.

4) Gossip italiano, 4 famose coppie vip si sono lasciate: mi riferisco a quelle (ormai non più) formate da: Gigi D’Alessio – Anna Tatangelo, Albano – Loredana Lecciso, Andrea Damante – Giulia De Lellis e Fabrizio Corona – Silvia Provvedi. Tutte e quattro non hanno bisogno di presentazioni, essendo note ai più. Perché si sono lasciate, a distanza di pochi giorni l’una dall’altra? Andiamo per gradi: di una presunta crisi tra D’Alessio e la Tatangelo si parlava già dall’estate scorsa, ma nel corso dei mesi i diretti interessati non l’hanno mai confermato o smentito del tutto, lasciando così sulle spine i fan. Fin quando non è arrivata l’ospitata di lei, un mese fa, al “Maurizio Costanzo Show” in cui ha annunciato la fine della loro relazione, dopo 11 anni, nonostante continuino a sentirsi per il bene del figlio Andrea. La donna ha confessato che desiderava un matrimonio, un altro figlio, ma Gigi non voleva e per lei rinunciare a queste due cose era troppo. Col tempo, quindi, la differenza di età (51 lui, 31 lei) si è fatta sentire. Nel frattempo, ‘Lady Tata’ ha avuto una sua rinascita personale e professionale: ha vinto la seconda edizione di “Celebrity Masterchef” (nel cui periodo di registrazione, inizio autunno, già c’era una crisi tra i due) ed è uscito il suo nuovo singolo, “Chiedere scusa”, che presenta alcune frasi che sembrano rimandare alla fine della storia con Gigi nazionale: <<C’è un tempo per resistere e un tempo per lasciare>>, <>. Capitolo Albano – Loredana Lecciso: dopo una serie di tensioni tra i due, pare che l’amore sia finito per mezzo di Romina Power, con la quale il cantante di Cellino San Marco (BR) ha ritrovato quella pace e quell’affinità, complici anche le ospitate televisive assieme (ultima a “Ballando con le stelle” come ballerini per una notte), che sembravano perse anni addietro. Scoop di pochi giorni fa: il cantante ha ‘lanciato la bomba’ affermando che lui e la Lecciso non siano più una coppia dal 2005, precisamente da quando lui è stato costretto ad abbandonare “L’isola dei Famosi” per lei. Sottolinea che la colpa non è stata di Romina, ma dall’esistenza di nature e aspettative inconciliabili. Forse l’attuale coach di “The Voice of Italy” si è dimenticato che, neanche tre anni fa, aveva annunciato un matrimonio con la bionda showgirl? Dobbiamo pensare che, con questa confessione, per lui sia stato un momento di rabbia o in tutti questi anni hanno finto di stare assieme? Il tempo ci darà le sue ragioni. Caso Andrea Damante – Giulia De Lellis: dopo quasi due anni di amore, tra ospitate varie – partecipazione di entrambi alle prime due edizioni del #GFVip – viaggi nei posti più disparati al mondo e scatti romantici condivisi ogni giorno sui social, i due a sorpresa hanno spiazzato i fan annunciando la conclusione della loro storia. Tutto è partito, due settimane fa circa, dalle storie di Instagram di lei e seguite da quelle sue, in cui hanno chiesto che venisse rispettato questo difficile momento con il silenzio. Secondo alcune fonti non (molto) attendibili, il motivo di rottura sarà stato per i continui tradimenti di lui, venuti a galla dopo mesi, di quando va in America a lavorare come dj. La notizia non è stata né smentita e né confermata. Che i due si siano lasciati, dunque, è stato constatato anche dai video della De Lellis in cui ha fatto vedere di aver trovato una nuova casa, ma sempre a Verona dove viveva con Andrea. Vicenda Corona – Silvia Provvedi: sembrava che l’ex re dei paparazzi e la bruna de Le Donatella, dopo l’uscita dal carcere di lui, fossero tornati più uniti che mai tanto addirittura da progettare un matrimonio. E invece, stanno passando un periodo di crisi che tende alla separazione. Il motivo? A detta di lei, per le solite incompatibilità di coppia quando ci si ritrova a fare il punto della situazione, ma anche per la condizione che stava vivendo. Silvia, in questi anni, stava facendo tanto per lui, mettendolo al primo posto pure al di sopra della carriera. Caso inverso per lui che, ‘giustificato’ inizialmente per i mesi vissuti in carcere, non ha pensato al bene della sua amata e la situazione non è cambiata neanche ora che sta agli arresti domiciliari. ‘La goccia che ha fatto traboccare il vaso’, però, è stato l’incontro di settimana scorsa tra lui e l’ex (mai dimenticata) Belen Rodriguez. Semplice ritrovo o qualcosa in più, dal momento che i due si sono lasciati anni fa in buoni rapporti? Fatto sta che, giustamente, la Provvedi si sia ingelosita e ciò le avrà fatto dubitare ancora di più sul loro futuro. Per tutte e 4 le coppie: aspetteremo come si evolveranno le varie storie per capire se è stato solo un periodo ‘no’ oppure un abbandono definitivo. Intanto, è finita l’era del #business per loro ?

3) “L’Isola dei famosi 13”, epilogo finale: si è conclusa lunedì 16 aprile, in prima serata su Canale 5, la 13°edizione de “L’Isola dei famosi”, all’insegna del #cannagate, #coccogate e … #Mancinigate. Proprio di quest’ultimo tema avevo trattato nella scorsa Top 10 e, ad “Isola” conclusa, confermo che sia stato così. Alessia Mancini, eliminata poi in semifinale, è la vincitrice morale di quest’edizione, alla quale si deve la maggior parte delle dinamiche avviate nel corso della stagione. Menzione d’onore per la bombastica Francesca Cipriani, solo quarta classificata, che ci ha fatto divertire e ci ha mostrato più il suo lato persona che personaggio, poiché ne è uscita umanamente pulita da un’edizione retta, ben o male, dall’ ‘inciucio’. Stesso riconoscimento va al vincitore del reality, il comico Nino Formicola, il quale con astuzia e saggezza ha conquistato i telespettatori. Sorprendente il 2° posto della cantante Bianca Atzei, di cui ci immaginavamo un 4° posto una volta approdata in finale, ma deve questo risultato alle prove vinte nel corso della puntata conclusiva. Eh, si sa da sempre: l’andamento della finale de “L’Isola” dipende anche da questo. Jonathan e Amaurys Perez, invece, si sono piazzati rispettivamente al 5° e al 3° posto: il primo non poteva andare più lontano di così, mentre dal pallanuotista cubano ci si aspettava qualcosa in più anche perché era il favorito secondo i bookmakers. È stata sicuramente una finale migliore di quella dell’anno scorso, che ha decretato trionfatore Raz Degan, ma ce ne sono state di migliori, a partire dalle 5°-6° iconiche in Rai con la mitica Simona Ventura. Per quanto riguarda la prossima stagione, pare che sia confermata “L’Isola 14” ma per il cast ancora tutto tace. Ancora non si sa se gli inadatti Alessia Marcuzzi, Stefano De Martino e Daniele Bossari vengano riconfermati nei propri ruoli di conduttrice, inviato e opinionista, ma c’è un’unica certezza che riguarda la caciarona Mara Venier: è di tre giorni fa lo scoop che la vede ritornare a condurre “Domenica In” su Rai Uno, da settembre 2018. Realizzato ciò, sembra praticamente impensabile che possa rifare l’opinionista in un programma di Canale 5. Chi vivrà, vedrà. Arrivederci all’ ‘Isola … dei fUmosi!”

2) “Amici 17”, la fase centrale: siamo giunti a metà percorso con il serale di “Amici 2018”. Dopo due puntate in cui non è uscito nessuno, nella quinta è certa che saranno due concorrenti ad uscire (e si spera due cantanti, visto che sono stati fatti fuori tre ballerini nelle prime due puntate). Riassunto di queste puntate: la commissione esterna è molto protagonista durante la gara, ai cui membri viene chiesto puntualmente l’opinione a caldo sulle performance degli allievi, nonostante sia troppo populista (Simona Ventura ‘docet’) e buonista (a malincuore, soprattutto la mia adorata Alessandra Amoroso che spende parole positive per tutti, anche dove è evidente che alcuni come Irama ed Einar stonino). Degne di nota le rivalità tra la già citata Ventura ed Heather Parisi, in particolar per il rapper Biondo, e quella tra la Parisi e la maestra Celentano, per caratteri diversi. Un’accozzaglia di ospiti che vogliono lanciare un messaggio, sì, ma poi sono inutili per tutto il resto della puntata (Totti, Maradona, Belen, Bebe Vio …). Il televoto poco influente ai fini della gara, in quanto anche se dovesse vincere quella determinata squadra comunque solo uno risulterà immune dall’eliminazione. Caso lampante della seconda puntata: vincono i Blu, ma poi vengono eliminati i ballerini Daniele e Sephora di questa squadra, non avendo vinto ‘la terza fase’ e non essendo stati salvati né dal direttore artistico Luca Tommasini e né dai professori. Ma si può?? Altra nota negativa: è troppo evidente il pompaggio su Irama, cantante dei bianchi, entrato nel programma con la scusa che “aveva stracciato il contratto con la casa discografica (la Warner) per ricominciare da zero” (solo le sue fan ci credono). Egli, inoltre, aveva alle spalle già un minimo di carriera (finalista a “Sanremo giovani” e vincitore al “Summer Festival” nel 2016) e una piccola ‘fan base’. Una presa in giro sia verso i concorrenti che verso i telespettatori, ma visto il livello medio-basso dei cantanti (di quelli arrivati al serale, perché ce ne erano alcuni eliminati al pomeridiano che erano superiori) ancora acerbi o senza personalità definita, pare che sia destinato a vincere l’edizione. Sono pronto ad essere smentito. Ritorniamo alle note positive, nel ballo questa volta: spicca l’americana Lauren, la quale oltre ad esser simpatica al pubblico, sta dimostrando di essere la ballerina più versatile e carismatica tra tutti. Al 90%, a lei andrà la vittoria della categoria “danza”. Manca un mese alla finale, ma ci sarà ancora qualcosa di sorprendente … o sarà tutto così scontato? “Ave Maria (da Pavia), piena di grazia …”.

1) “Grande Fratello 15”, il ritorno (non) piace e fa discutere: è tornata su Canale 5, lo scorso martedì 17 aprile, la 15°edizione del “Grande Fratello”, dopo tre anni di pausa dalla 14° e due anni di #GFVip. Nonostante il periodo pre-estivo e le poche puntate (solo 8), c’erano aspettative abbastanza alte per questa nuova stagione con alla conduzione la spumeggiante Barbara D’Urso, di ritorno dopo 13 anni, e come opinionisti gli irruenti ma adatti Cristiano Malgioglio e Simona Izzo, direttamente dall’ultima edizione “Vip”. Se quest’ultimi tendono a scontrarsi l’uno con l’altro e a fare casino, la D’Urso riesce a mantenere una compostezza unica alla conduzione. Forte di essere anche autrice e di parlarne quotidianamente nei suoi contenitori pomeridiani, si percepisce che ‘Carmelita’ ami il proprio lavoro e segua con passione le dinamiche che accadano in casa (al contrario delle colleghe Blasi e Marcuzzi). Sicuramente ha un carattere detestabile, ma come conduce lei un reality nessuna al momento: a 61 anni riesce a gestire tre programmi, in diretta, nello stesso periodo e ci mette sempre la faccia in quello che fa. Ha piglio, sagacia, polso e “cazzimma” nel portare avanti il reality. Queste, ed altre simili qualità, che non possiedono la Marcuzzi e la Blasi (anche se sta sulla via …), ma probabilmente queste due sono così perché non hanno ancora l’esperienza della D’Urso. Quest’ultima, infatti, 15 anni fa conduceva il #GF in un modo più ‘chic’. Atteggiamento che serviva per le prime annate. Ora, invece, va bene una come la Barbara di oggi per risollevare le sorti di un programma che sembrava morto ieri. Proprio così: anche se per fatti gravissimi (su tutti, la faccenda della spagnola Aida Nizar ‘bullizzata’ dal branco) e per la maleducazione e l’ignoranza di (quasi) tutti i partecipanti, la 15°edizione sta facendo discutere però, puntata dopo puntata, aumentano gli ascolti (la terza quasi a 5 milioni e il 27% di share). Capitolo concorrenti: su 17 di loro, almeno dieci sono dell’“universo d’ursiano” (come Angelo – il “Ken umano” – e Veronica, la figlia di Bobby Solo) e già da qui si capisce che la conduttrice napoletana abbia voluto costruire un’edizione ‘a sua immagine e somiglianza’. Mentre gli altri sono stati scelti dagli autori, dopo aver fatto i provini … o tramite conoscenze/spottoni altrui? Al momento, nessuno di loro merita di vincere il reality. La meno peggio, nonostante sia provocatrice e colpevole di aver contribuito a portare scompiglio in casa, è proprio la vulcanica Aida grazie, ‘in primis’, al suo essere protagonista e travolgente (nel senso positivo dei termini). Si sa, però, che nella maggior parte delle volte i caratteri forti non trionfano nell’edizione a cui partecipano. Non mi stupirò, quindi, di una sua eliminazione prima della finale. Ragazzi, “The Big Brother is (not) watching you!”.

Con quest’ultimo punto, finisce una delle Top 10 più ‘calde’! Spero che vi siate divertiti e abbiate colto, anche questa, il mio “humour” nel descrivervi le news scelte … Al prossimo mese!

di Nicola Compagnone